BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CORTE DELL'AIA/ Il giudice: sui crimini nazisti non perde l'Italia, ma la nostra Cassazione

Soldati tedeschi sul fronte di Stalingrado (immagine d'archivio) Soldati tedeschi sul fronte di Stalingrado (immagine d'archivio)

Sul piano generale, la Germania non ha mai negato che i propri comportamenti durante la guerra costituissero gravi illeciti internazionali. È come se dicesse: siamo ultracolpevoli, ma c’è una norma processuale che ci ripara dalla responsabilità civile. In fondo, a pensarci bene, si è arrivati a questa causa perché ci sono rapporti di amicizia tra i due Paesi. La Germania fa ammenda di tutte le cose orrende fatte nel suo passato, l’Italia difende la sua giurisprudenza ma è conscia che, tutto sommato, la chiarezza giuridica può convenirle.


© Riproduzione Riservata.