BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EMERGENZA NEVE/ Monti: contro il maltempo, l’Italia può e deve fare di più

Pubblicazione:sabato 4 febbraio 2012

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Circola l’ipotesi di una task force di esperti funzionari europei che dovrebbero verificare l’adeguatezza dell’Italia a ricevere 8 miliardi di fondi strutturali per favorire crescita e occupazione. Alcuni, anche su queste pagine, sostengono che si tratti di una sorta di accordo tra Monti e l’Europa per far digerire all’Italia alcune misure che il governo si accinge a varare. Va letta, probabilmente in questo senso la frase del premier: «Non dirò mai agli italiani bisogna fare questo perche lo chiede Bruxelles». 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
04/02/2012 - LA PROGRAMMAZIONE DEL LAVORO PER TUTTI I GIOVANI! (Silvano Rucci)

La quantità delle patate, delle cipolle, delle zucchine ecc. ecc. si riesce ogni anno a programmare e poi produrre con una precisione costante da che mondo è mondo! Si muore di fame soltanto dove c’è siccità! E’ mai possibile che la quantità dei posti di lavoro sia così difficile da studiare, inventare, programmare, creare, tanto da non averne in abbondanza? Nei supermercati il cibo è ben controllato e se un giorno nevica e la gente non esce di casa, il direttore calcola immediatamente quale percentuale di vendite sono venute a mancare! Un controllo così capillare come mai non viene fatto per quanto riguarda il lavoro che rappresenta “la piaga sanguinante” della attuale congiuntura di miseria conclamata? Gli addetti alla programmazione del lavoro dovrebbero darsi da fare e collocare ad uno ad uno tutti i giovani di buona volontà, vale a dire tutti ma proprio tutti! Non è difficile trovarli attraverso l’anagrafe! Basta con i precari ridotti alla fame per mancanza di lavoro giovanile! Non deve esistere assolutamente alcuna giustificazione o spiegazione contraria! Deve esistere un solo obiettivo: lavoro per tutti indistintamente. La cultura, l’intelligenza, l’etica di un popolo sono più che sufficienti a creare lavoro! Quando il lavoro manca è perché il popolo ha perso sé stesso! Cerchiamo di dare il nostro voto, democraticamente, ai politici che risolveranno questo problema!