BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

EMERGENZA NEVE/ Monza: donna morta per il freddo, nevica dal Veneto alla Puglia

L'Italia continua a essere interessata dal freddo polare mentre tra venerdì e sabato sono previste nuove abbondanti nevicate sulla dorsale adriatica, dal Veneto alla Puglia e anche a Roma

Foto InfophotoFoto Infophoto

L'emergenza neve e freddo ha causato un'altra vittima, ormai il computo dei morti per il maltempo ha superato le venti persone decedute, in maggioranza senza tetto. Solo ieri, lunedì, i morti sono stati sette. A Caponago, in provincia di Monza, l'ultima vittima: una donna è stata trovata morta questa mattina per "probabile assideramento". Si tratta di una senza casa che è stata ritrovata all'aperto in un boschetto. Le temperature in Lombardia si aggirano nella notte oltre i dieci gradi sotto zero. Ma siamo ancora lontani dal picco vero e proprio del freddo. Tra venerdì e sabato è infatti prevista una nuova ondata di gelo che oltre a un freddo ancora più intenso porterà nuove nevicate nell'area centro sud dell'Italia. Le nevicate sono infatti previste su Roma e il Lazio in generale, su Campania, Puglia, Emilia-Romagna e Marche. Nevicherà comunque anche oggi sulla dorsale adriatica, in pratica dal Veneto a scendere giù lungo l'Adriatico fino alle Puglie. Il freddo rimane intenso invece su tutta la penisola: il record si è registrato in provincia di Savona dove si sono toccati i venti gradi sotto zero. Poi si passa dai meno dodici gradi sotto zero di Aosta, ai meno nove di Milano, dai meno cinque di Bologna ai meno sei di Perugia. Problemi sulle reti autostradali: nevica infatti sulla A14 tra Bari sud e Mottola e sulla A16 tra Lacedonia e il bivio per la A14. Si raccomanda di non mettersi in viaggio se non strettamente necessario e comunque muniti di catene o pneumatici invernali. In provincia di Avellino vietato il traffico ai mezzi pesanti. Nel Lazio permane l'emergenza energia elettrica: sarebbero 22.600 le utenze ancora prive di luce ed energia ed acqua. Quindicimila le persone senza luce in provincia di Frosinone e circa settemila a Roma.  E a Roma le scuole oggi sono rimaste ancora chiuse, ma dovrebbero riaprire domani. Hanno riaperto oggi gli uffici e se le strade sono ormai del tutto liberate dalla neve, permane il pericolo ghiaccio per via del grande freddo. La viabilità sul Grande Raccordo Anulare di Roma, sull’autostrada Roma-Fiumicino e su tutte le  statali del Lazio è consentito solamente ai mezzi con catene o pneumatici invernali fino alle ore 24 di oggi.