BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ALBERTO MUSY/ Il bollettino medico: ematoma cerebrale, condizioni gravi

Alberto Musy, il bollettino medico: ematoma cerebrale da rimuovere, condizioni gravi, ma non ci sarebbe il pericolo di vita. Il commento dele autorità e dei politici

Alberto Musy, foto Infophoto Alberto Musy, foto Infophoto

Il consigliere Udc Alberto Musy vittima di un tentativo di omicidio è ancora in gravi condizioni. L'avvocato torinese è stato ferito gravemente durante un agguato questa mattina sulle scale di casa, dopo che era tornato dall'aver accompagnato le figlie a scuola. A sparargli un uomo con un casco in testa che si era fatto aprire dicendo di dover consegnare un pacco. Musy è il capogruppo comunale dell'Udc di Torino, ex candidato sindaco alle ultime elezioni amministrative, e uno dei più quotati e conosciuti avvocati del capoluogo piemontese. Al momento, secondo quanto fanno sapere le autorità, si scarterebbe la pista del terrorismo a sfondo politioi. Se ne seguono altre, vista l'importanza del suo studio legale specializzato in affari e cause di lavoro, ma non è stato comunicato quale di esse avrebbe la preminenza nelle indagini. Sicuramente quella a sfondo politico è la meno battuta. Di fatto, non risulta ancora dopo tante ore alcuna rivendicazione di alcun genere. Intanto i medici curanti dell'ospedale Molinetti dove il Musy è ricoverato hanno diramato nella tarda mattinata il primo bollettino medico ufficiale. Ematoma cerebrale che è necessario rimuovere, un proiettile nella spalla destra e un altro proiettile nella zona retroscapolare sinistra. Alberto Musy è sotto ai ferri, impegnato in un difficile intervento chirurgico: le sue condizioni sono definite gravi anche se non sarebbe in pericolo di vita. Un terzo proiettile l'ha ferito di striscio alla tempia. Musy ha subito anche una forte emorragia mentre si aspettavano i soccorsi. Il primo a recarsi in ospedale da lui è stato il sindaco di Torino Piero Fassino, seguito da quasi tutti i consiglieri comunali di Torino mentre è attesa in giornata la visita del segretario nazionale dell'Udc Pierferdinando Casini. Il sindaco di Torino ha rilasciato il seguente comunicato: "Proviamo angoscia e sgomento per un atto di violenza efferata e inaudita. Quali che siano le dinamiche di questo attentato, in attesa che gli accertamenti degli organi inquirenti ci consentano di capire di più, non vi può che essere la condanna più netta verso un gesto criminale. Tutta la città è vicina con affetto alla famiglia di Alberto, in questo momento di attesa". Ha commentato il grave episodio anche il ministro degli interni Anna Maria Cancellieri, dicendo trattarsi di u fatto molto grave, un episodio da condannare.