BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ABORTO/ Il "Giardino degli Angeli" trova casa nella (rossa) Firenze

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Il buon senso e la ragionevolezza delle cose non possono fermarsi. Quel che è innanzitutto in gioco con questo provvedimento è la difesa di un diritto: è l’esercizio di una libertà, che evidentemente, se esercitata, rischia di mettere in crisi le convinzioni ideologiche di qualcuno.

A Firenze si è accesa una polemica assurda, che rischia di strumentalizzare anche il drammatico dolore di chi si trova a vivere un’interruzione di gravidanza causata da complicanze naturali. Si rischia di andar contro non solo alla libertà dei genitori, ma anche di dimenticare, ancora una volta, il soggetto – la persona – più debole e indifesa di tutta la questione, che evidentemente, per qualcuno, non solo non ha il diritto di vivere ma nemmeno quello di riposare in pace.

 

(Emanuele Roselli, consigliere comunale Pdl, Firenze)

 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
27/03/2012 - Sepoltura dei feti (Carla D'Agostino Ungaretti)

Sono totalmente d'accordo con la Signora Elisabetta. Quel seppellimento denoterebbe almeno un briciolo di pietà verso quelle disgraziate creature che sono state chiamate alla vita, senza che loro lo avesseo richiesto, e poi ne sono state respinte. Ma perché la sinistra abortista se la prende tanto? Gli aborti sono stati praticati e non è questo che loro volevano? Che gliene importa a loro di quello che succede dopo? Tanto per loro quello non era un essere umano, ma solo un "prodotto del concepimento", come a dire un prodotto industriale.

 
24/03/2012 - cani (elisabetta crema)

Se la proposta fosse stata avanzata per i quattrozampe, nessuno avrebbe avuto da ridire; invece qualcuno ritiene gravissimo che una mamma che al mattino trova nelle mutande e in un lago di sangue il piccolo che attendeva con infinito amore non lo butti nel wc. Qui non c'è nemmeno bisogno di entrare in merito alla querelle sulla dignità di uomo di qualunque concepito, basterebbe fermarsi (come solitamente fanno i paladini dell'aborto, per non guardare in faccia il vero tema in questione) ai diritti della donna. La sfasatura del campo di argomentazione la dice lunga sulla malafede di una parte in gioco. Betta