BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 25 marzo, si celebra l'Annunciazione del Signore

Il 25 marzo la Chiesa Cattolica celebra l'Annunciazione del Signore, calcolata in base alla data del Natale, sarebbe il giorno in cui l'Arcangelo Gabriele diede l'annuncio del concepimento

Tutti i santi Tutti i santi

Santo del giorno: oggi, 25 marzo, è l'Annunciazione del Signore - Il 25 marzo la Chiesa Cattolica celebra l'Annunciazione del Signore, calcolata in base alla data del Natale, sarebbe il giorno in cui l'Arcangelo Gabriele diede l'annuncio del concepimento di Gesù a Maria, secondo il Vangelo di Luca, e a Giuseppe, secondo il Vangelo di Matteo.
La ricorrenza è celebrata con feste patronali a Magliano in Toscana, Sabaudia, Lerici, Marano Vicentino e Viareggio. Tra le tante opere pittoriche che riguardano l'Annunciazione ricordiamo quella di Beato Angelico, conservata al Museo del Prado a Madrid. Tra i Santi celebrati il 25 marzo c'è Santa Margherita Clitherow (1556 - 25 marzo 1586), anglicana di nascita ma convertita al Cattolicesimo e martire. Nasce a York come Margareth Middleton nel 1556 e si sposa all'età di 15 anni con John Clitherow, un macellaio, prendendone il cognome. La sua decisione di convertirsi al Cattolicesimo avvenne nel 1574, quando aveva 18 anni, e il marito, avendo un fratello cattolico, non si oppose ma rimase tuttavia di fede protestante.
I figli vennero cresciuti secondo la religione Cattolica e il figlio Henry studiò a Reims per diventare sacerdote. Margareth cominciò quindi a frequentare la comunità cattolica del nord dell'Inghilterra che all'epoca era fortemente perseguitata, proteggendo in diverse occasioni alcuni preti cattolici che dovevano nascondersi durante le frequenti retate. Aveva ricavato, presso la sua abitazione una sorta di nascondiglio segreto per dare loro rifugio e proprio per questo venne arrestata a York nel 1586. Di fronte all'accusa si rifiutò di collaborare per evitare il coinvolgimento della sua famiglia che in un processo avrebbe dovuto testimoniare sotto tortura; venne quindi condannata a morte tramite una crudele esecuzione come previsto in questi casi dalle dure leggi dell'epoca. I soldati incaricati dell'esecuzione ingaggiarono quattro mendicanti per ucciderla; denudata e legata su una roccia acuminata venne lentamente schiacciata dal peso di grandi massi appoggiati su una porta di legno che le era stata messa sopra. Dopo sei ore dalla morte una sua mano venne recuperata e la reliquia è conservata alla Cappella del Bar Convent di York. La regina Elisabetta I scrisse ai cittadini di York dichiarandosi inorridita dalla crudeltà dell'esecuzione inflitta a Margareth, una punizione che non era prevista per le donne, data la sua atrocità. La beatificazione avvenne nel 1929 a opera di Papa Pio XI, mentre il processo di canonizzazione arrivò nel 1970 con Papa Paolo VI.