BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

BAMBINO NEL TEVERE/ Emerge cadavere di un bimbo, forse il piccolo Claudio gettato dal padre

Riemerge dalla acque del Tevere all'altezza di Fiumicino vicino alla foce del fiume il corpo di un bambino. Potrebbe trattarsi di Claudio, gettato dal padre lo scorso febbraio

Foto InfophotoFoto Infophoto

Il corpo di un bambino è affiorato nel fiume Tevere vicino alla foce, a Fiumicino. Esattamente all'altezza di via Col del Rosso. Ad accorgersene alcuni frequentatori del circolo nautico Tre Nodi oggi verso le 15 del pomeriggio. A recuperare il corpo sono giunti polizia fluviale, vigili del fuoco e mezzi del 118. Il primo pensiero è andato al povero Claudio, il bimbo di soli sedici mesi gettato lo scorso 4 febbraio dal padre nel Tevere, in un gesto di tragica follia. Il corpo di Claudio infatti non era ancora stato ritrovato da allora nonostante lunghe e approfondite ricerche. L'autore del gesto aveva letteralmente strappato il figlio dalle braccia della nonna materna e della madre e dopo essere fuggito in direzione del fiume lo aveva scagliato nelle acque. L'episodio aveva sconvolto l'intera città di Roma e non solo. Qualche giorno dopo il giovane di 26 anni durante un interrogatorio degli inquirenti aveva detto di non essere in grado di spiegare il perché del suo folle gesto, in quanto, aveva detto, amava suo figlio più di qualunque altra cosa al mondo. L'episodio accaduto all'altezza di Ponte Mazzini era accaduto al termine di una violenta lite coniugale: il giovane aveva strappato il figlio alla nonna e quindi era corso a gettarlo nel Tevere. Poi aveva tentato di allontanarsi dalla zona ma era stato fermato dalle forze di polizia. E' tutt'ora in carcere sorvegliato a vista per paura che possa uccidersi. La difesa ha avanzato l'ipotesi di malattia mentale del suo assistito. In un primo momento l'uomo aveva detto alla polizia che la famiglia della moglie non gli permetteva di vedere il figlio. La coppia era in crisi da tempo: lui è disoccupato con piccoli precedenti penali e la moglie stava pensando di chiedere la separazione. Preso il bimbo lo ha gettato da una altezza di circa trenta metri: il bambino è scomparso immediatamente ricoperto dalle acque e da allora non era stato possibile ritrovarne il corpo nonostante lunghe ricerche. Adesso a Fiumicino il ritrovamento: anche se manca ancora il riconoscimento ufficiale, sembra palese si tratti del piccolo Claudio, annegato dal Tevere dopo esservi stato gettato dal padre. Il ritrovamento è accaduto vicino alal foce del Tevere: ancora poco è il piccolo corpo sarebbe finito nel mare, renndendo impossibile ogni futuro ritrovamento.

© Riproduzione Riservata.