BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VIAGGIO DEL PAPA/ L'incontro con Fidel Castro, la Messa davanti a 300mila persone (video)

Il Pontefice ha incontrato Fidel Castro dopo la Messa celebrata davanti a oltre 300mila persone. L'apprezzamento per la libertà concessa alla Chiesa con l'invito a fare di più

Foto Infophoto Foto Infophoto

Benedetto ha lasciato Cuba, seconda e ultima tappa del suo quattordicesimo viaggio apostolico. Anche nell'isola castrista si è ripetuto il bagno di folla che aveva accompagnato il Papa nella sua visita in Messico. Ieri la Messa all'Avana si è tenuta davanti a una imponente folla di oltre 300mila persone nella piazza simbolo di Cuba, Plaza de la Revolucion, la piazza della rivoluzione. Poi l'atteso incontro con il "lider maximo" l'anziano e malato Fidel Castro, un incontro durato circa mezz'ora, molto denso e pieno di rispetto reciproco. Nonostante la malattia che lo ha fatto arrivare su una sedia a rotelle, il leader cubano si è recato personalmente presso la residenza dove alloggiava il Pontefice per incontrarlo. Soddisfazione da parte del Vaticano per un incontro definito "piuttosto intenso e cordiale". Si è trattato quasi di una intervista da parte di Fidel al Papa: gli ha rivolto parecchie domande, anche personali, sulla sua missione, il suo essere Papa, sulle sue letture chiedendogli anche dei libri consigliati per approfondire il punto di vista del Papa (Fidel Castro ha chiesto delle difficoltà dei tempi attuali per l'umanità, delle problematiche culturali, religiose e scientifiche. Il Pontefice ha risposto parlando del tema dell'assenza di Dio e dell'importanza fondamentale del rapporto tra fede e ragione). Inoltre Fidel Castro ha voluto ringraziare il Papa per la beatificazione di Madre Teresa quale benefattrice di Cuba dicendo che per lei aveva molta venerazione e gratitudine, e per quella di Giovanni Paolo II di cui ha ricordato la visita a Cuba. Fidel 86 anni, Benedetto 85: il Papa ha scherzato dicendo di essere anziano ma ancora in grado di fare il suo dovere. Nell'omelia della Messa celebrata davanti alla grande folla, il Papa non ha esitato a chiedere maggiore libertà per la Chiesa, ricordando anche i passi avanti fatti dal regime in questo senso, ma ha anche chiesto lo stop alle sanzioni contro Cuba che danneggiano la popolazione civile. Cuba e il mondo hanno bisogno di cambiamenti, ha detto: "Sono stati fatti passi a Cuba affinché la Chiesa compia la sua ineludibile missione di annunciare pubblicamente e apertamente la sua fede". Adesso è necessario proseguire su questa strada ha voluto ricordare. Alla fine della liturgia il presidente cubano Raul Castro che aveva seguito tutta la cerimonia in prima fila è salito sul palco per ringraziare il Papa. I due si erano incontrati per circa quaranta minuti prima della Messa da soli. Alla fine al momento della sua partenza il Papa ha voluto ricordare come le sanzioni economiche nei confronti di Cuba ("misure economiche restrittive imposte dal di fuori del Paese"  le ha definite) pesano negativamente sulla popolazione. Un chiaro monito agli Stati Uniti. Il Papa ha lasciato Cuba con un saluto: "Hasta sempre Cuba" e ""Che Dio benedica il tuo futuro".