BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Tra i santi di oggi, 5 marzo, anche San Lucio: Dalla festeggiava dopo il compleanno

Santo del giorno. Tra i santi di oggi, 5 marzo, anche San Lucio: Dalla festeggiava l'onomastico proprio dopo il compleanno. Poi si festeggiano Sant'Oliva e sant'Adriano da Cesarea

Tutti i santi Tutti i santi

Santo del giorno. Tra i santi di oggi, 5 marzo, anche San Lucio - Tra i santi che si ricordano oggi ci sono Sant'Adriano di Cesarea, San Lucio (festeggiato in questa giornata dal 1955) e Sant'Olivia.
SANT'ADRIANO DA CESAREA - Il primo fu un martire ucciso durante la persecuzione dei cristiani avvenuta nell'anno 309 D.C. a Cesarea(PA). Egli, giunto per evitare il martirio di massa di tutti coloro i quali professarono il culto nella città, fu dato in pasto ai leoni dai centurioni, che lo finirono poi, a quanto raccontano i documenti dell'epoca, con una spada. La testimonianza ci giunge da Papa Eusebio, pontefice che resse la chiesa per pochi mesi, prima che l'impero romano si dichiarasse ancora una volta ostile al cristianesimo. Non vi sono particolari tradizioni da far risalire al santo, se non quella legata al suo nome: infatti Adriano ha dato il nome al mare Adriatico, e in antichità era un nome dato soprattutto a chi proveniva da Atri o da Adria(Hatrianus, appunto).
Il santo è protettore dei corrieri, e tra i personaggi noti che festeggiano in questa giornata, vi sono il cantautore e attore Celentano, il tennista Panatta(che ha lasciato il tennis giocato nel 1983 , il glorioso imperatore romano Adriano (che resse l'impero dal 76 al 138 d.c.), Adriano de Zan (conduttore radiofonico ufficiale del Giro d'Italia, conduttore di 6 edizioni della Domenica Sportiva, del Tour de France e de Il processo del Lunedi deceduto nel 2001) e lo scrittore Baracco (prolifico recensore e creatore di romanzi fantasy).
SAN LUCIO - Il santo che corrisponde al nome di Lucio è un papa vissuto fino al 254, anno in cui morì in circostanze non ancora accertate. Di Lucio I, infatti, si sa che ricevette il pontificato nell'Agosto del 253 D.c., pochi mesi prima della sua morte. Un suo caro amico(fatto anch'egli santo successivamente), l'esponente del clero Cipriano, lo ricorda tra i martiri: ma studi approfonditi hanno portato alla luce che, probabilmente, non è cosi. Una notizia certa è che Lucio fu esiliato durante l'impero di Valeriano, durante le interminabili persecuzioni allo stato pontificio di quei secoli. Successivamente, qualche tempo dopo(anche in questo caso le date non sono precise), a lui fu permesso di rientrare nei confini, e qui, non senza discordia dei pareri degli storici, si è parlato di una decapitazione, successivamente smentita da alcune missive di Cipriano stesso. Potrebbe essere stato l'esilio, invece, l'elemento che ha portato il suo amico ad annoverarlo nella schiera dei martiri. Il santo, che fino all'anno 1955 si festeggiava il 4 Marzo, è stato spostato al 5 quando studi approfonditi su alcune epigrafi hanno datato il giorno successivo come quello della sepoltura.
San Lucio è patrono di pizzicagnoli e di coloro che lavorano nel settore caseario, oltre che degli alimentaristi in generale. A lui non sono legate particolari tradizioni, sia per la presenza di un altro San Lucio(in Valtellina), sia per l'incertezza nella datazione, che ancora oggi ha permesso il perdurare dei festeggiamenti il 4 Marzo anziché il 5.