BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA STORIA/ Sergio, quel macellaio ristoratore con la passione per la tradizione

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Segio Motta nella sua macelleria  Segio Motta nella sua macelleria

A me gli analisti stanno sullo stomaco, come un pranzo pesante che non riesci a digerire. Certi analisti dell'ultima ora poi hanno l'aria cinica di chi, con la pancia piena, sta sulla riva del fiume a guardare un mondo che va in rovina. E loro no, aurea consolazione.
Questo m'hanno fatto pensare le dichiarazioni di un gastronomo che su un quotidiano, l'altro giorno, ha scoperto che i ristoranti sono in crisi e non tirano più come un tempo. Vabbé, la dichiarazione ci sta, anche se tardiva, ma dichiarare alla fine dell'intervista, che lui sconsiglia di acquistare le guide perché costano quanto un pranzo, è proprio mettersi sul fiume satolli sperando che tutto il mondo, di cui s'è nutrito, vada in malora. Quel gastronomo, poi si scopre, di guide non ne fa più, da un pezzo, e quindi tutto ciò che non rientra nel suo orizzonte, merita il baratro. Che tristezza questa miopia umana! La GuidaCriticaGolosa che da vent'anni firmo con Marco Gatti, costa 21 euro: fossero così i prezzi del pranzi in osteria! Quella su iPhone e iPad ancora di meno (7,99), quasi come una colazione o il break di mezzodì e ogni giorno viene aggiornata: con le chiusure (anche ieri ne è arrivata una) e con le novità, che molto spesso rappresentano la ristorazione che ce la farà, quella del futuro, capace di sposare qualità e prezzi adeguati. E locali come questi, credeteci, sono sempre pieni di gente.

È passata una settimana da quando sono stato nel locale che vado a raccontarvi e ancora non riesco a togliermelo dalla mente, come quando uno s'innamora. Questo locale nasce come macelleria e sta nella fila di negozi dei Bellinzago Lombardo, e di preciso a Inzago. Si chiama Macelleria Motta (via Matteotti, 8 - tel. 029549220) e quando entri vedi subito un angolo con le mezzene appese, i tagli di carne esposti e poi la griglia. Nella prima sala ci sono due tavolini, ambitissimi; dietro le due sale: quella riservata per cene di lavoro e quella ampia dove girano ragazzi giovanissimi e preparatissimi, con il sorriso. Su tutto sovrintende Sergio Motta, che ha in affitto questa casa a corte dove col bel tempo si mangia fuori. Sergio è un ragazzo d'oro e penso alla consolazione di suo papà, che imperterrito lavora con lui. Quando era ragazzino passava le ore a osservare gli animali e quando il papà faceva un viaggio nel Monferrato in cerca dei capi migliori di razza bovina piemontese lui non voleva mancare. Una vita affascinante quella del macellaio, ma che non può più essere quella di ieri.



  PAG. SUCC. >