BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL COMPLEANNO DEL PAPA/ Benedetto compie 85 anni gli auguri di Napolitano

Oggi Benedetto XVI compie 85 anni di età: gli auguri del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nessun festeggiamento solenne ma solo gli auguri dei suoi collaboratori

Foto InfophotoFoto Infophoto

Benedetto XVI festeggia oggi 85 anni di età. Gli auguri al Pontefice arrivano da tutto il mondo. Il Capo dello Stato Giorgio Napolitano - anche in occasione dell'ormai prossimo settimo anniversario dell'elezione al soglio pontificio  - sottolinea nel suo messaggio di auguri "la feconda prosecuzione di quell'alto magistero etico e spirituale al quale guardano con speranza la nazione italiana e tutta la vasta comunità cattolica". Aggiungendo che tutta l'Italia guarda al Papa con speranza. Nell'occasione il segretario personale di Benedetto XVI monsignor George Gaenswein ha pubblicato un libro a lui dedicato, in cui si tratteggia un profilo particolare visto da vicino del Papa. Il libro («Benedetto XVI-Personaggi famosi sul Papa») per il momento esce solo in Germania con il contributo di venti importanti personalità tedesche che esprimono il loro parere su Papa Ratzinger. Il Papa come hanno fatto sapere i suoi più stetti collaboratori farà una semplice festa in famiglia senza alcun festeggiamento solenne. Lo avrebbe chiesto lui stesso e lo conferma monsignor Gaenswein dicendo che questo lunedì 16 sarà una normale giornata di lavoro come tutte le altre, ma ha anche detto che sarà "una giornata molto bavarese". Ci sarà infatti a Roma il fratello più anziano del Papa. Joseph Ratzinger è nato a Markyl am Inn nella diocesi di Passau il 16 aprile del 1927. Il padre era un commissario di polizia la cui famiglia era originaria della Bassa Baviera. La madre prima di sposarsi aveva lavorato come cuoca in vari alberghi. La sua infanzia venne vissuta nella cittadina di Traunstein a pochi chilometri dal confine con l'Austria. Una infanzia vissuta nel terribile periodo del nazismo che si scatenò anche contro la Chiesa: il futuro Papa raccontò di aver visto il suo parroco aggredito dai militanti nazisti prima di una Messa. Verso la fine della Seconda guerra mondiale venne arruolato nei servizi ausiliari dell'esercito tedesco, poi dal 1946 al 1951 studiò teologia a Frisinga e a Monaco di Baviera. Il 29 giugno 1951 venne ordinato sacerdote. Dopo aver insegnato teologia dogmatica e fondamentale nella Scuola superiore di filosofia e teologia di Frisinga, proseguì la sua attività di docenza a Bonn, dal 1959 al 1963; a Münster, dal 1963 al 1966; e a Tubinga, dal 1966 al 1969. Il 25 marzo 1977 viene nominato arcivescovo di Monaco e Frisinga: nello stesso anno viene nominato anche cardinale.