BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MOROSINI/ Caro Piermario, il dolore del tuo addio ci fa scoprire "Solo cose belle"

Piermario Morosini (Foto Infophoto) Piermario Morosini (Foto Infophoto)

Però, nel leggere questa storia, proviamo a guardarla coi suoi occhi. Andiamo a fare un giro sul suo profilo twitter, quello dove oggi si azzeppano cordoglio e un po’ banali frasi di circostanza. Non era banale, Piermario. Il suo hashtag era “solo cose belle”, e le sue poche battute, giorno dopo giorno, sono un inno alla vita.  “Con la mia Annina sotto questo cielo toscano” (che bello, Annina sorridere con lui in quella foto, che bei giorni avete goduto insieme). “W la Toscana, w l’amicizia, w il Pibe.”  Non perché Maradona è il più grande e famoso, ma perché ha una faccia allegra e felice. Commenta la Pasqua: “Una stupenda Pasqua toscana, tra affetti veri, amici, cani, sole, pioggia, ancora sole…Pienezza”.
Pienezza. Quanti dei nostri figli possono dirlo, per la semplicità quotidiana?  E dire che non aveva una vita semplice, aveva sofferto tanto. Eppure, “There is always hope”. Eppure, sapeva guardare alle piccole cose, e amarle: “Ala cassa del supermercato uno strepitoso vecchietto toscano che se la canticchiava mi ha rallegrato la giornata”. Eppure era un combattente, e si esaltava per il coraggio: “Act of valor! Dare la propria vita per la libertà di un popolo…magnifico ed emozionante”. Lui ne aveva tanto, di coraggio. 
Chiamatelo sfortunato, un ragazzo così. Chiedetevi se non è una grazia speciale, vivere di tanta pienezza. Sfortuna è vivacchiare, farsi passare addosso la vita, lamentando l’incapacità di coglierla come occasione. Lo so, sembra follia, siamo così stupendamente attaccati a questa meraviglioso pezzo di terra. E giustamente piangiamo chi ci è caro, o ci diventa caro, e ci lascia presto. Ma siamo certi, certi davvero, che il moro la pensi così? Che non fosse già pronto per quell’altra avventura?

© Riproduzione Riservata.