BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

J'ACCUSE/ Perchè l'Europa vieta l'incesto e non la fecondazione eterologa?

Per CLAUDIA NAVARINI, “l’idea di diritto naturale oggi è una delle più impopolari, ma la morale naturale continua a rappresentare la base delle leggi attraverso alcuni elementi inalienabili”

Foto Fotolia Foto Fotolia

Un cittadino tedesco ha presentato ricorso di fronte alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per chiedere che fosse tutelato il suo diritto a rompere il tabù dell’incesto. Patrick Stubing ha vissuto in orfanatrofio dall’età di tre anni, e nel 2000 ha incontrato la sorella naturale Susan Karolewski che non aveva mai conosciuto prima. I due hanno messo al mondo quattro figli, due dei quali con tare fisiche, quindi il tribunale tedesco ha ordinato l’incarcerazione di Stubing. Di fronte al suo ricorso, la Corte Europea ha ribadito che il divieto all’incesto nasce da convinzioni profondamente radicate nella società, nella quale “ora come prima rimane forte la convinzione che si tratti di un reato da punire”. Ilsussidiario.net ha intervistato Claudia Navarini, professoressa di Filosofia morale all’Università Europea di Roma.

Professoressa Navarini, come valuta il divieto all’incesto ribadito dalla Corte Europea?

Lo ritengo un atteggiamento corretto, in quanto da sempre la società ha condannato il matrimonio tra consanguinei, per una serie di ragioni più che intuibili. In primo luogo per i possibili abusi che si potrebbero derivarne, oltre che per tutti i danni che ne possono conseguire nella prole. Il sistema giuridico è interessato soprattutto alla tutela dei figli, e la procreazione tra consanguinei è da scoraggiare perché comporta una elevata probabilità di tare genetiche e di un indebolimento oggettivo anche delle generazioni successive.

Il motivo per cui il matrimonio tra consanguinei deve essere vietato è quindi soltanto per il rischio di malformazioni nei figli?

Il problema dei figli è fondamentale, ma quando si parla di naturalità dei rapporti si intercetta una serie di elementi, tra cui l’eterosessualità, in quanto per natura sono uomo e donna a essere adatti a formare un’unione completa. Nel concetto di naturalità c’è anche una distanza familiare ed educativa che esula dalla consanguineità. Ricordo del resto che la fecondazione artificiale eterologa, consentita dalla legislazione di numerosi Paesi, comporta il rischio che con l’anonimato dei donatori nascano dei figli da consanguinei che non sanno di esserlo. Si potrebbero verificare quindi situazioni come quella sanzionata dal tribunale tedesco, magari in misura anche maggiore, legata alla totale inconsapevolezza della consanguineità.

Ritiene che invece il matrimonio tra coppie omosessuali vada consentito?