BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

GUSTO/ La mia amica Cilla, Montemagno e la “storia” del pane e del vino

Il pane tipico di MontemagnoIl pane tipico di Montemagno

Non voglio dire che sia anziano, perchè proprio non lo penso, ma certo questa è ormai un'età di transito dove tanti non ci sono più e non da oggi. Ciò che non cambia è invece il fascino e il pensiero di cercare quei racconto dentro al vino, quella faccenda che nasce come un parto, misto di dolore e distruzione e poi di vita altra.
Non so ancora bene che racconterò del vino, ancora (è il quinto dei miei libri sul tema), ma certo questa settimana – anche per recuperare dell'assenza della scorsa – sul sussidiario troveremo tanti dei motivi della Pasqua, che si legano, come un simbolo vicino al mangiare e bere, al Mistero che si celebra.

© Riproduzione Riservata.