BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LA STORIA/ La Valsugana e quel “Vino Santo” vecchio di dieci anni

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Tornando all'agritur, ultima tappa in fondo alla valle, aspettatevi una baita di legno che guarda la valle e il sorriso dei due coniugi. Al piano di sopra, col camino ancora acceso, due sale aperte accolgono gli ospiti. Avrete una scelta eccellente di vini, per accompagnare i canederli con erbette su letto di cavolo cappuccio, la polenta con la tosèla alla griglia, le mezzelune di patate blu ripiene di formaggi di malga, il cervo in umido e il coniglio al forno, fino al loro tiramisù di fragole. Starete bene. E mi ringrazierete: una sosta davvero felice.

© Riproduzione Riservata.