BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CASO FINMECCANICA/ Indagato l'a.d. Giuseppe Orsi: Accuse ridicole

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

L'amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Orsi risulta indagato dalla procura di Napoli sul presunto caso di tangenti versate alla Lega Nord. La Procura spiega trattarsi di atto dovuto, mentre Orsi risponde dicendo che si tratta di accuse ridicole. L'ipotesi di reato sarebbe quella di corruzione internazionale e riciclaggio nel caso della vendita di alcuni elicotteri di produzione Agusta di cui al tempo Orsi era amministratore delegato all'India. Nel giro di affari, una percentuale di dieci milioni di euro sarebbe stata girata al partito di Umberto Bossi. Poco tempo dopo Orsi diventa amministratore delegato di Finmeccanica. In mezzo, un consulente svizzero, Guido Ralph Haschke,  a sua volta indagato che aveva trattato direttamente l'affare con l'India chiedendo inizialmente una somma di 41 milioni di euro che poi diventa di 51. Ecco da dove spunterebbero i dieci milioni di euro incriminati. Ad accusarlo l'ex direttore delle relazioni sterne di Finmeccanica, Lorenzo Borgogni.  Orsi ha già fatto sapere che non ha mai girato tangenti a nessuno. Parlando al Tg1 Orsi ha detto di non aver mai pagato somme illegali né alla Lega né ad alcun altro. "Durante tutto il periodo di amministratore delegato di Finmeccanica e AgustaWestland non mi è mia capitato di pagare alcunché di illegale" ha detto spiegando che sarebbe stata una cosa ridicola in quanto lui faceva parte di una terna di candidati interni e la scelta è stata fatta dal ministero del Tesoro sulla base della sua esperienza personale. Intervengono sul caso anche gli esponenti della Lega, come Roberto Maroni che parla di str… fangose e che il suo partito non si fa intimidire da nessuno. "Le insinuazioni di un ex-dirigente di Finmeccanica (licenziato dal nuovo Presidente Giuseppe Orsi) orecchiate da qualche parte su 'presunti finanziamenti illeciti ai partiti' sono diventate sui giornali di oggi 'tangenti alla Lega'. Viva la libera stampa (si fa per dire...)" ha detto l'ex ministro degli interni. Da parete sua Umberto Bossi dice che non ha mai sentito parlare di questo caso. Alla base di tutta la faccenda le dichiarazioni di Borgogni, dichiarazioni che gli stessi inquirenti stanno valutando con attenzione perché potrebbero essere influenzate dal fatto che l'ex dirigente venne licenziato proprio da Orsi. 


  PAG. SUCC. >