BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SARAH SCAZZI/ Udienza, parla la cugina: Ivano Russo era solo un amico

Al processo sulla morte di Sarah Scazzi testimonia una cugina: Sarah non sarebeb mai stata interessata a Ivano Russo. Poi la pagina di diario del 26 agosto cambia lo scenario

Foto InfophotoFoto Infophoto

Al processo sull'omicidio di Sarah Scazzi ha testimoniato oggi una cugina della ragazza uccisa il 26 agosto 2010. A casa sua infatti si recava spesso Sarah ed era stata anche ospitata fino a due giorni prima di venir uccisa. La cugina di Sarah ha detto in aula che Ivano Russo era per lei solo un amico simpatico ma niente di più, Sarah non avrebbe mai detto che le piaceva. Ha raccontato anche che la cugina le disse di essere stata fidanzata solo una volta, per un giorno solo, con un ragazzino Davide con cui si sarebbero scambiati un solo bacio e poi lasciati alla sera "Mi raccontò di essere stata fidanzata per un giorno con un ragazzo di 16 anni, un certo Davide, lui la baciò per gioco ma la sera stessa si lasciarono" ha testimoniato. Ivano Russo è sempre stato considerato fino a oggi come la ragione del movente dell'omicidio da parte di Sabrina Misseri, che sarebbe stata gelosa degli interessi di Sarah in quanto innamorata del giovane. Però la stessa cugina ammette poi che proprio la mattina del 26 agosto il giorno della sua morte Sarah scrisse sul diario che le due tenevano insieme di avere un ragazzo che le interessava e che le piaceva. Quel ragazzo, ammette, era Ivano Russo e ne rimase molto sorpresa. E infine Facebook: "Aveva dei profili ma non era lei a gestirli, non conosceva alcuna password. A volte mi chiamava e mi chiedeva di entrare ma mi dava password errate. La mattina del 25 agosto, però, decise di creare una nuova pagina personale e volle farlo con me, voleva che fossi io a gestirla perché di me si fidava". Tutti elementi che saranno utili alle indagini? E' presto per dirlo anche se contengono spunti interessanti, così come interessante che certe dichiarazioni siano venute fuori proprio alla vigilia della sua morte. Forse l'assassino ne era venuto a conoscenza proprio in quelle ore e aveva deciso di punire Sarah? Se così fosse il sospettato maggiore diventa ovviamente Sabrina. Quello che l'accusa sotiene ormai da molto tempo dopo che Salvatore Misseri non è risultato più crediible nelle sue auto accuse. 

© Riproduzione Riservata.