BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALBERTO MUSY/ Filmato l'aggressore, ecco le immagini prima degli spari (video)

Pubblicazione:

Alberto Musy, foto Infophoto  Alberto Musy, foto Infophoto

Alberto Musy, il consigliere comunale dell'Udc di Torino ferito mortalmente in un agguato qualche settimana fa è sempre ricoverato al Cto del capoluogo piemontese. Il politico sarebbe fuori pericolo di vita, come hanno fatto sapere i suoi medici curanti durante l'ultimo bollettino medico, precisando però "salvo complicazioni". Il che significa che comunque le sue condizioni rimangono gravi. Secondo l'ultima Tac, l'edema cerebrale conseguente ai colpi di pistola sparati contro di lui sarebbe in lieve riduzione. La Tac ha anche rivelato una normalizzazione dei valori di pressione intercranica con una respirazione soddisfacente. A Musy è stato fatto un intervento di tracheotomia normale per tutti quei pazienti per cui è prevista una ventilazione prolungata nel tempo. Sul fronte delle indagini invece non c'è alcuna novità. Ancora nessun sospetto ufficiale, ancora nessuna motivazione plausibile per l'attentato che lo scorso 21 marzo  è stato eseguito nei suoi confronti. Allontanata ogni possibile causa politica si lavora nel campo dei rapporti professionali del Musy, uno dei più importanti avvocati specializzato in cause del lavoro di Torino nonché docente universitario. Nel frattempo è stato reso pubblico dalle autorità il video, anzi più riprese, che ritraggono l'autore dell'attentato mentre si dirige verso l'abitazione di Musy. L'uomo, come avevano confermato alcuni testimoni, ha il volto coperto da un casco bianco, veste un largo cappotto e in mano ha il pacchetto che faceva finta di dover consegnare per attirare Alberto Musy per strada e potergli sparare. Immagini inquietanti riprese da varie telecamere. L'uomo è di statura media e sembra alquanto corpulento. Le telecamere lo riprendono a camminare per un tratto di strada piuttosto lungo: via Garibaldi, via San Dalmazzo, via Stampatori, passando davanti ad alcuni locali e alla sede dell'Archivio di Stato. Non sono invece state diffuse immagini della sua fuga dopo l'attentato. le autorità diffondendo questo video sperano in qualche contributo prezioso da parte di possibili conoscenti. 


  PAG. SUCC. >