BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RYANAIR/ Terrore a bordo: volo Bergamo-Nottingham in picchiata sopra le Alpi

Il volo partito da Bergamo diretto a Birmingham in Inghilterra ha rischiato di schiantarsi sopra le Alpi. Effettuato l'atterraggio di emergenza in Germania

Foto Infophoto Foto Infophoto

Paura sul volo Ryanair partito da Bergamo e diretto a Nottingham, in Inghilterra. Il volo è stato costretto a un atterraggio di emergenza in Germania dopo che il velivolo aveva puntato in picchiata le montagne mentre sorvolava le Alpi. Grande paura a bordo ovviamente, passeggeri terrorizzati che dai finestrini vedevano la cima delle montagne avvicinarsi sempre di più. Cosa è successo? Il problema è stato nella cabina di pilotaggio, dove è accaduta una depressurizzazione iniziata circa un quarto d'ora dopo il decollo. Il pilota ha lanciato l'allarme, un sos sentito da tutti i passeggeri a bordo. Dopo di che l'aereo ha cominciato a scendere in picchiata proprio mentre stava sorvolando le Alpi. Si sono aperti gli scompartimenti che contengono le maschere di ossigeno di emergenza e il volo è andato in caduta libera fino a3mila metri di altezza. Fortunatamente il pilota è riuscito a riprendere il controllo dell'aereo e a condurlo al più vicino aeroporto in Germania dove è stato effettuato un atterraggio di emergenza. Il problema della depressurizzazione è il più grave che si possa verificare all'interno di un aereo. Infatti vista l'alta quota a cui viaggiano i voli, circa seimila metri, è necessario mantenere a bordo del velivolo una pressione interna diversa da quella dell'ambiente fuori del velivolo stesso, che non permette all'essere umano di respirare. Ecco perché passeggeri e piloti hanno a disposizione maschere per l'ossigeno in caso si verifichi appunto una depressurizzazione dell'interno. Nel volo Bergamo-Nottingham questo è accaduto solo all'interno della cabina di pilotaggio: casi analoghi a quello di oggi hanno comportato lo schianto a terra del velivolo stesso. In questi casi è da sperare che il pilota riesca a portare il volo a quote così basse dove l'atmosfera diventa nuovamente respirabile per le persone. Il problema di oggi è che però si sarebbe rischiato lo schianto con le cime delle montagne. Al momento non ci sono ancora note ufficiali da parte di Ryanair sulle cause dell'incidente.