BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Il giudice: garanzie e certezza della pena, c’è un paradosso da eliminare

Pubblicazione:

Fotolia  Fotolia

La certezza del diritto, in Italia, appare sempre più una chimera; da un lato, tutto concorre, sovente, a rendere il percorso per giungere all’effettività della pena (laddove ovviamente sia meritata) talmente tortuoso da renderne, di fatto, impossibile l’esecuzione; dall’altro, capita a cittadini spesso innocenti di ritrovarsi tra le mura di una prigione a causa della storture presenti nel sistema di imposizione del regime di detenzione preventiva. Va da sé che, una volta dentro, difficilmente non resteranno macchiati a vita da una marchio d’infamia che ha decretato la loro colpevolezza benché non sia stata emessa alcuna sentenza. Insomma, un paradosso: si direbbe che l’assenza di garanzie "in entrata" sia bilanciato dall’eccesso di espedienti in uscita. Di tale paradosso, ce ne parla Cosimo Ferri.  

Trova, anzitutto, che si ricorra con troppa disinvoltura alla custodia cautelare?

Va detto, tanto per cominciare, che non è possibile fare delle generalizzazioni. La misura cautelare, infatti, prevalentemente viene invocata solo laddove ne sussistano i presupposti; ovvero, se ci sono gravi indizi di reato, pericolo di reiterazione, di inquinamento probatorio o fuga. Va, tuttavia riconosciuto, che ci sono anche molti casi in cui in cui la sua applicazione non può dirsi connotata da estrema correttezza.

Quali casi?

In svariate circostanze le misure vengono annullate dal Tribunale del Riesame o dalla Cassazione. Oppure, riguardano soggetti la cui posizione processuale nel frattempo viene archiviata o sono assolti in dibattimento.

Quindi?

Non sarebbe giusto imputare colpe generalizzate ai magistrati; spesso, infatti, è la stessa disciplina che viene modificata in corso d’opera. Tuttavia, laddove il carcere venga comminato al di fuori dei presupposti stabiliti dal legislatore o si evidenzino scelte viziate, la magistratura dovrebbe saper fare, al suo interno, autocritica. Se si ravvisassero sacche di inefficienza, inoltre, sarebbe necessario effettuare controlli volti a valutare caso per caso la professionalità del magistrato. Detto questo, servirebbero anche rimedi di natura generale.

Crede, cioè, che l’istituto andrebbe riformato?



  PAG. SUCC. >