BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 14 maggio, è san Mattia apostolo, l’“uomo di Dio” che sostituì Giuda

Pubblicazione:lunedì 14 maggio 2012

Tutti i santi Tutti i santi

Santo del giorno. Oggi, 14 maggio, è san Mattia apostolo - "Mostraci Signore colui che hai scelto", questa l'invocazione che gli apostoli rimasti in undici dopo il tradimento e la morte di Giuda Iscariota fanno di fronte alla scelta tra Giuseppe detto Barabba e Mattia. La preferenza divina cade su Mattia che diventerà uno dei dodici apostoli e, dopo la Pentecoste, secondo lo storico Eusebio, sarà tra i settanta discepoli mandati da Dio ad evangelizzare il mondo.
Secondo il martirologio della Chiesa Romana il 14 Maggio è il giorno in cui si festeggia San Mattia Apostolo.
Nel primo capitolo degli apostoli viene riportato l'avvenimento, della preferenza che lo investe come nuovo apostolo per sostituire Giuda.
Gli apostoli devono essere dodici perché dodici erano i figli del patriarca Giacobbe, così dodici sono le tribù di Israele.
Mattia è l'abbreviazione di Mattatia: dall'etimologia ebraica impariamo che il nome significa “uomo di Dio”.
Mattia seguì Gesù dal battesimo avvenuto nel Giordano, fino all'Ascensione al cielo e chiamato dagli apostoli al posto di Giuda fu degno testimone della resurrezione di Gesù Cristo.
La tradizione iconografica ci mostra la figura di un uomo anziano con un'alabarda in mano, ma anche con un libro, il primo segno del suo probabile martirio, il secondo della vita donata alla evangelizzazione.
Non si hanno certezze in merito alla sua morte, se effettivamente fu martirizzato, si attesta che le spoglie furono condotte da Sant'Elena presso Treviri dove sono venerate.
In realtà, oltre alle notizie sull' accoglienza tra gli apostoli, sulla vita di San Mattia esistono opinioni contrastanti, dal momento che spesso viene confuso con San Matteo.
Niceforo, autore bizantino, sostiene che predicò in Giudea ed in Etiopia dove venne crocifisso.
Nella Sinossi di Doroteo viene riportato un passo in cui si dice che Mattia predico in prossimità dei porti di Hyssus e del fiume Phasis in Etiopia, in mezzo a uomini selvaggi e carnivori.
Un'altra fonte tramanda la storia della sua lapidazione e decapitazione a Gerusalemme, da qui le reliquie del Santo vennero trasportate a Roma da Sant'Elena e una parte di esse a Treviri.


  PAG. SUCC. >