BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ATTENTATO BRINDISI/ Identificato il killer, è caccia all'uomo. Interrogato il fratello (video)

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

ATTENTATO A BRINDISI IDENTIFICATO IL KILLER - Notizia dell'ultima ora: il killer che ha fatto scoppiare la bomba davanti alla scuola di Brindisi causando la morte di una studentessa di 16 anni sarebbe stato identificato. E' caccia all'uomo in queste ore: il sospettato mancherebbe dalla sua abitazione da due giorni. Nel frattempo le forze dell'ordine hanno prelevato da casa il fratello del presunto killer e lo hanno portato in questura per sottoporlo a interrogatorio. A incastrare l'uomo sarebbe un particolare decisivo che si è potuto scoprire grazie alle riprese delle telecamere di sorveglianza che lo hanno filmato mentre si pensa stesse manovrando il timer per provocare l'esplosione delle tre bombole di gas messe sul muretto all'ingresso dell'istituto Morvillo Falcone di Brindisi. E' una mano offesa, una mano che non funziona perfettamente, la quale si vede molto chiaramente nelle immagini riprese dalla telecamera. Al momento non si sa come le forze dell'ordine abbiano potuto collegare tale tipo di menomazione con una persona sospetta. L'uomo abiterebbe nel quartiere brindisino di Sant'Elia. Le immagini a disposizione mostrano una persona dall'età apparente di 50 o 55 anni. E' vestito con giacca, pantaloni chiari, scarpe da ginnastica. L'ipotesi di accusa è quella di atto con finalità terroristica, anche se sembra sempre più evidente che l'uomo abbia argot da solo probabilmente uno squilibrato che voleva mettere in atto un piano pensato da solo, qualcosa di terribilmente simile a quanto successo la scorsa estate in Norvegia con la strage degli studenti. Adesso si attende di sapere se le forze dell'ordine riudiranno a mettere mano sul fuggiasco e in quanto tempo potranno farcela. Decisive saranno anche le dichiarazioni che potrà rilasciare il fratello. la stuazione è dunque in pieno sviluppo e forse nel giorno stesso dei funerali della povera Melissa che si tengono alle 16 e 30 sarà possibile dare un nome e un volto all'assassino. Le autorità sono impegnate in una gigantesca caccia all'uomo. L'ipotesi di attentato mafioso sembrerebbe a questo punto crollare del tutto.


  PAG. SUCC. >