BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IOR/ Ettore Gotti Tedeschi lascia la presidenza dell'Istituto per le Opere di Religione

Pubblicazione:giovedì 24 maggio 2012

Ettore Gotti Tedeschi (InfoPhoto) Ettore Gotti Tedeschi (InfoPhoto)

Ettore Gotti Tedeschi ha deciso di lasciare la presidenza dello Ior, l’Istituto per le Opere di Religione. Sembra che le dimissioni verranno presentate ufficialmente domani alla commissione cardinalizia di vigilanza dell’Istituto, composta dal presidente Tarcisio Bertone e dai cardinali Attilio Nicora, presidente dell'Autorita' di Informazione Finanziaria, Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso e presidente della Commissione per le Relazioni Religiose con i Musulmani, Telesphore Placidus Toppo, arcivescovo di Ranchi e Odilo Pedro Scherer, arcivescovo di San Paolo del Brasile. Alla base della decisione ci sarebbe la sfiducia da parte del Consiglio di Sovrintendenza dell'Istituto per le Opere di Religione che, secondo quanto riferito dalla Sala stampa della Santa Sede, «ha adottato una mozione di sfiducia del Presidente Gotti Tedeschi e ha raccomandato la cessazione del suo mandato quale Presidente e membro del Consiglio». Il board dello Ior, si legge ancora «si è riunito in sessione ordinaria. Fra i temi in agenda, c'era ancora una volta la governance dell'Istituto». «Nel tempo – emerge ancora dalla nota diffusa recentemente - questa ha destato progressiva preoccupazione nel Consiglio e, nonostante ripetute comunicazioni in tal senso al professor Gotti Tedeschi, Presidente dell'Ior, la situazione è ulteriormente deteriorata». Per questo motivo, prosegue la nota, «i membri del Consiglio sono rattristati per gli avvenimenti che hanno condotto al voto di sfiducia, ma considerano che quest'azione sia importante per mantenere la vitalità dell'Istituto. Il Consiglio adesso guarda avanti, al processo di ricerca di un nuovo ed eccellente Presidente, che aiuterà l'Istituto a ripristinare efficaci ed ampie relazioni fra l'Istituto e la comunità finanziaria, basate sul mutuo rispetto di standards bancari internazionalmente accettati». Gotti Tedeschi, che non ha voluto commentare quanto accaduto, è presidente dello Ior dal 2009 e in passato è stato anche presidente di Santander Consumer Bank Italia e consigliere dell’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti nel quarto governo Berlusconi. 


  PAG. SUCC. >