BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

VATICAN LEAKS/ Il corvo e le carte del Papa: ecco tutte le ricostruzioni

Tutto ha avuto inizio con la pubblicazione del libro “Sua Santità. Le carte segrete di Benedetto XVI”. Che, come si evince dal titolo, rivela alcuni documenti riservati del Papa.

InfophotoInfophoto

Tutto ha avuto inizio con la pubblicazione del libro “Sua Santità. Le carte segrete di Benedetto XVI”. Che, come si evince dal titolo, rivela alcuni documenti riservati e lettere private del Pontefice. A lungo si è parlato di uno o più “corvi”. Personaggi controversi che avrebbero trafugato scritti top secret girandoli, poi, al giornalista. Tra questi, secondo le voci fatte circolare dai suoi detrattori, ci sarebbe Ettore Gotti Tedeschi, di recente sfiduciato dall’incarico di presidente dello Ior, la banca vaticana. La persona che, materialmente, si sarebbe resa colpevole della fuga di notizie sarebbe, infine, stata individuata in Paolo Gabriele, il cameriere personale di Benedetto XVI, tra i pochi ad avere accesso a tutte le stanze degli appartamenti papali e, attualmente, nella mani della giustizia vaticana.

Massimo Franco, dalla pagine de Il Corriere della Sera si dice convinto che tutta la vicenda rappresenti l’esito di un lungo conflitto. Tra Bertone e gotti Tedeschi. Una sorta di vendetta. «L'impressione è che la sorte di Gotti Tedeschi sia stata segnata dalle sue perplessità sull'operazione di salvataggio dell'ospedale San Raffaele, voluta fortemente da Bertone e dalla sua cerchia; poi dalle resistenze del numero uno dello Ior di fronte al blitz natalizio che ha cambiato la legge antiriciclaggio». Secondo Repubblica, ci potrebbe essere dietro ben più di un semplice regolamento di conti. Per Marco Ansaldo esisterebbe un gruppo di cardinali, arcivescovi e monsignori che punta alla Segreteria di Stato. E, successivamente, a ottenere la maggioranza in Conclave per eleggere un pontefice scelto tra le proprie fila. «E le menti che hanno concepito il piano sono le stesse che hanno foraggiato i media, attraverso i "corvi", di carte segrete al fine di portare scompiglio e far cadere il governo vaticano». Non è detto che sia stato effettivamente Paolo Gabriele l’artefice delle rivelazioni all’esterno o che, per lo meno, possa aver agito da solo anche per Libero. La tesi accreditata è che la vicenda sia l’esito di una partita più grande. Quella che vede schierate in opposte fazioni il cardinal Bertone e tutti i suoi nemici. In molti, ricorda il quotidiano diretto da Belpietro, più volte hanno chiesto le dimissioni del successore di Sodano e in molti sanno che la Segreteria di Stato è un posto chiave da dove gestire l’organizzazione vaticana. Insomma, per Libero sarebbe, per il momento, Bertone il vincitore della partita. Specie considerando il fatto che il capo dello Ior Ettore Gotti Tedeschi, con cui c’erano attriti, è stato obbligato alle dimissioni. Ma il suo vero successo consiste nel fatto che, d’ora in avanti, chi stesse per compiere un qualunque atto sgradito a qualcuno, potrebbe essere costretto a pensarci due volte per non essere sospettato di tradimento.  Anche secondo il Giornale difficilmente potrebbe essere stata una sola persona a provocare la fuga di notizie. Luca Doninelli, in ogni caso, mette in guardia dalle tentazioni complottistiche, dal gusto che persuade chi intravede scandali e intrighi. La realtà è molto più complessa e molto più semplice: una brava persona convinta, magari, di fare del bene che non si rende contro del danno che crea. Ma il male, ricorda il giornalista e scrittore, si annida da per tutto, ed è ipocrita scandalizzarsi del fatto che possa annidarsi pure in Vaticano. Del resto, Gesù – si chiede – non predicava forse tra le prostitute e i ladroni. Vittorio Messori su La Stampa ricorda che la Curia romana è sempre stata un covo di vipere. Un tempo, almeno, era composta dai migliori elementi che esistessero sulla piazza. Alti prelati in grado fare il loro mestiere, fini politici e raffinati diplomatici. Oggi, dice il vaticanista, è composta da uomini mediocri. Anche lui, tuttavia, invita a non scandalizzarsi. Bisogna distinguere tra la Persona della Chiesa, che è santa, e il suo personale.