BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TERRORISMO/ Il Fai, le Olimpiadi di Londra e lo spettro di un film già visto

Pubblicazione:lunedì 28 maggio 2012

Infophoto Infophoto

Se a Monaco lo spirito olimpico fu letteralmente “stracciato”, anche a Mosca nel 1980 fu “incrinato”, nel momento in cui gli Stati Uniti non parteciparono per protesta contro la politica sovietica, creando così una “mezza Olimpiade”. La risposta arrivò nel 1984 a Los Angeles alla ventitreesima Olimpiade, con tutto il blocco sovietico che non partecipa eccetto la Romania di Ceasescu. Infine alle Olimpiadi di Atlanta del 1996, il 27 luglio, esplode una bomba nel Centennial Park, un attentato che provoca una vittima e cento feriti. L'incredibile realtà del mondo moderno, la crisi antropologica di questo periodo storico è rappresentata purtroppo bene da questa paradossale schizofrenia della scadenza Olimpica, sospesa sempre di più tra attesa di gioia e di incubo, tra la nobiltà di una leale gara sportiva e l'insidia dell'attentato codardo in mezzo alla folla. Siamo in un mondo che richiede sempre di più codici etici, regole e osservanza di nuove regole, ma nello stesso tempo non riesce più a rispettare le grandi “regole non scritte”, come appunto era l'antico spirito di Olimpia.

 

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.