BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TERREMOTO/ La lettera della maestra Marta e dei bambini di Bogotà

Questa è una lettera scritta dai bimbi di una quarta elementare di una scuola di Bogotà che spesso si collega in video conferenza con una scuola di Modena che si chiama "La Carovana"

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Questa è una lettera scritta dai bimbi di una quarta elementare di una scuola di Bogotà che spesso si collega in video conferenza con una scuola di Modena che si chiama "La Carovana". I bambini hanno deciso di scriverla dopo aver avuto un dialogo con la maestra che ha parlato loro delle scosse avvenute in Italia. 

 

Bogotà, 30 maggio 2012

 

Ginnasio Alessandro Volta

Cari amici,

 

abbiamo ricevuto la notizia che da voi c’è il terremoto.

 

Speriamo che tutti voi e le vostre famiglie stiate bene. Noi ci siamo fatti molte domande e ci siamo chiesti “Perché c’è il terremoto?”. Fino in fondo non possiamo sapere il perché, è un po’ misterioso, ma ci siamo accorti che spesso noi disprezziamo le cose che abbiamo ricevuto. Chi ci regala tutto ciò che abbiamo? La vita, gli amici, un tetto, il cibo, la nostra intelligenza…

 

Ce li dà Dio e alcune volte, solo quando ci vengono tolti, ci accorgiamo del loro valore e significato. Quello che vi sta succedendo è un richiamo per tutti noi. Preghiamo e vi chiediamo di pregare perché Dio vi continui a proteggere e accompagnare. Lui ci conosce, ci perdona e ci vuole bene.

 

Anche noi vi vogliamo bene e speriamo di vedervi presto. Vorremmo aiutarvi, se potete fateci sapere come!

 

 

Con affetto,

 

I bambini di Quarta A e la maestra Marta