BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ 1. Così la società della solitudine ha reso il suicidio un "diritto"

Infophoto Infophoto

E pensare che poi le stesse persone affermano che nelle decisioni “autonome” nessuno deve interferire. Paradosso? No: potere dell’epoca postmoderna, in cui la solitudine è il sommo ideale. Ma attenti: si parla oggi di libera scelta o piuttosto di disperazione, trattando di tanti di questi casi? E se è disperazione o sofferenza, quale sarebbe allora la libera scelta di un suicida: quella che passa attraverso una commissione di saggi illuminati?

Fatto sta che almeno in questi giorni di diritto al suicidio non ne parla più nessuno; forse per opportunità, forse in attesa di tempi migliori; o perché ora guardano in faccia cosa è il darsi la morte e non lo auspicano più. Che questa sensazione non li abbandoni e serva (anche a noi) ad essere compagni, piuttosto che ad aprire le porte alla morte solitaria, fosse anche “medicalmente assistita”. 

© Riproduzione Riservata.