BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OMICIDIO REGGIO EMILIA/ Campegine, anziano spara in un bar: morte tre persone

Pubblicazione:venerdì 15 giugno 2012 - Ultimo aggiornamento:venerdì 15 giugno 2012, 19.11

Foto Infophoto Foto Infophoto

Follia omicida a Reggio Emilia questo pomeriggio. Due persone sono rimaste uccise nella città di Campegine in provincia di Reggio Emilia in un episodio ancora tutto da chiarire. Un probabile raptus di follia che ha visto per protagonista un anziano di 71 anni aprire il fuoco con un'arma da fuoco all'impazzata sparando senza un obbiettivo preciso. Secondo le prime ricostruzioni del fatto la persona è entrata in un bar nella piazza centrale del paese e ha improvvisamente fatto fuoco. Ha subito colpito uccidendola una donna di colore che si trovava seduta all'interno e ferito un'altra persona. Sparava senza un obiettivo preciso, nel mucchio hanno raccontato i testimoni. Con altri colpi sparati all'impazzata ha quindi colpito alla nuca uccidendolo sul colpo l'autista di un furgone che stava consegnando l'acqua nel locale. Dopo questa strage è uscito fuori per la piazza del paese girando senza meta con l'arma in mano. Fortunatamente sono riusciti a intervenire i carabinieri che lo hanno immobilizzato e tratto in arresto. Ma non è finita qua purtroppo: recandosi alla vettura dell'uomo parcheggiata poco lontano i carabinieri hanno trovato al suo interno il cadavere di una donna. Dunque tre persone uccise dalla follia del 71enne. Follia che potrebbe essere scattata dopo il primo omicidio di cui non si conoscono al momento i motivi se mai ce ne fossero. L'uomo tratto in arresto è sotto interrogatorio. Dell'autore della strage si conosce il nome, si chiama Sandro Rizzi e ha 71 anni. L'uomo ha ucciso l'autista della ditta Mineral service, una persona di 43 anni, secondo i nuovi dettagli che giungono dal posto dopo la sparatoria nel bar l'uomo sarebbe salito sulla sua vettura che conteneva il cadavere di una donna, una moldava anch'essa di 43 anni. Lì ha atteso l'arrivo delle forze dell'ordine e dopo una breve trattativa si è arreso a loro. Sul posto, con i vertici provinciali di polizia e carabinieri, erano presenti anche il pm Maria Rita Pantani e il sindaco Paolo Cervi. Si cerca adesso di capire se l'uomo sia sano di mente, chi sia la moldava trovata cadavere nelal sua macchina, perché sia entrato nel bar sparando contro degli innocenti e se l'uomo abbia dei familiari. 


  PAG. SUCC. >