BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

STRAGE DI USTICA/ Priore: ecco chi copre la verità

Era Gheddafi l'obbiettivo che portò alla strage di Ustica? Foto InfophotoEra Gheddafi l'obbiettivo che portò alla strage di Ustica? Foto Infophoto

Ma come fa a sostenere questa ipotesi con una forza che avrebbe dovuto invece usare nei confronti della Francia, e in appoggio a una tesi a cui non crede neanche lui? Infatti quelle rogatorie spedite alla Francia non hanno mai avuto risposta. Io non so se il nuovo governo abbia nominato un responsabile per queste rogatorie e se abbia intenzione di sostenerle. Certo, oggi ci si deve concentrare su altro con tutti i problemi che abbiamo, però bisogna avere una visione unanime, non accettare ipotesi senza ragionare. Non puoi essere delegato al caso Ustica e credere all'ipotesi della bomba interna quando tutto il resto dice il contrario. I francesi forse vedendo questo disordine nel fronte italiano ancora non ci hanno dato una risposta.

 

Se Stati Uniti e Francia non rispondono  o rispondono in modo celato, perché secondo lei la Libia, che avrebbe invece avuto interesse a dire che un loro aereo era stato attaccato da forze Nato, non ha mai detto nulla in proposito?

 

La Libia avrebbe avuto questo interesse e in effetti Gheddafi ogni volta che veniva intervistato diceva di essere stato lui l'obbiettivo di quello scontro, lo confermava a ogni intervista che la stampa internazionale faceva. Ma vede, gli ordinamenti giuridici non sono tutti uguali e allo stesso livello di evoluzione: non ci hanno neppure mai detto di aver ricevuto la rogatoria, il silenzio più assoluto. Forse i loro ordinamenti non prevedono nemmeno l'esistenza della rogatoria che è un istituto tipicamente europeo.

 

Magari adesso che Gheddafi non c'è, più potremo forse avere delle risposte dalla Libia.

 

 Lei crede? Lei vede dei progressi in Libia? 

 

Francamente no.

 

Appunto.

 

E' stata data la notizia che vengono resi pubblici gli archivi digitalizzati dell'associazione dei familiari delle vittime: è una cosa che potrà dare degli sviluppi interessanti?

 

Sì, per gli storici. Queste carte avrei dovuto leggerle soltanto io. Magari riusciranno a trovare altre prove in un senso o nell'altro. 

 

Mi sembra scettico.

 

Tra l'altro se è vero che molte stragi sono state digitalizzate, quella di Ustica si comincia a farlo adesso. L'associazione dei familiari forse ha solo l'inizio del dibattimento, per quello che so io si comincia a digitalizzare Ustica adesso ma è un problema enorme.

 

Perché?  

 

Sono oltre due milioni di carte, faldoni che contengono in media mille pagine l'uno e i faldoni sono migliaia.


Da paura.


COMMENTI
28/06/2012 - triste e paradigmatica (Antonio Servadio)

Io la vicenda di Ustica l'ho sempre vista così, tristissima, e paradigmatica delle varie paludi mentali, culturali, legali e procedurali Italiane. Prendo un solo spunto, quello meno tipico di questa strage: "la mezza fortuna di aver trovato un giudice che sapeva l'inglese". Non penso e non ho mai pensato che un paese industrializzato possa avere una magistratura di un tale livello di arretratezza: non sanno neppure l'Inglese. Ma è roba da pazzi!