BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TRATTATIVA STATO-MAFIA/ Sorgi: vi spiego perché è un teorema senza prove

Il pentito Massimo Ciancimino Il pentito Massimo Ciancimino

Giovanni Conso è un grande giurista e accademico dei Lincei. Ricordo inoltre che non è un politico, ma che entrò in un governo come tecnico. Fra Conso e il figlio di Ciancimino mi sembra molto più credibile il primo.

 

Lei ha detto che Ciancimino è stato smentito. Da chi e in quali occasioni?

 

Massimo Ciancimino ha dichiarato di avere dei documenti sulla trattativa che avrebbe custodito in un luogo segreto. Diverse volte ha aggiunto che sarebbe andato a prenderli, ma alla fine non lo ha mai fatto. I fatti riferiti da Ciancimino inoltre gli sarebbero stati rivelati dal padre che è morto da anni: non esistono quindi prove che l’ex sindaco di Palermo le abbia dette realmente.

 

Che cosa ne pensa delle intercettazioni che coinvolgono Napolitano?

 

Il presidente Giorgio Napolitano in questa storia non è coinvolto in alcun modo, se non per il fatto di avere richiesto al procuratore generale della Cassazione, cioè al superiore gerarchico della Procura di Palermo, di chiarire perché fra la Procura di Palermo e quella di Caltanisetta ci fossero due pareri completamente opposti, nonostante le inchieste riguardassero gli stessi fatti. Occorre quindi vedere quale delle due Procure abbia ragione e come si sia potuto generare un accavallamento di indagini. Il presidente inoltre è intervenuto con una lettera del segretario generale della Presidenza della Repubblica che peraltro è stata resa nota. All’epoca dei fatti, Napolitano era presidente della Camera. Semmai il problema riguarda Nicola Mancino, Claudio Martelli e Calogero Mannino.

 

Come valuta la posizione di Mancino?

 

Mancino nega di avere partecipato a una trattativa Stato-mafia. Siccome è accusato di falsa testimonianza, occorre dimostrare che abbia detto il falso e il compito spetta all’accusa. Martelli ha sostenuto in aula di avere avvertito Mancino che i carabinieri stavano trattando con la mafia, mentre Mancino sostiene di non avere mai ricevuto nessuna comunicazione di questo tipo. Bisogna vedere chi dei due sia in grado di dimostrare quanto afferma, e soprattutto quali sono i documenti in mano all’accusa. Si tratta insomma di una storia abbastanza torbida e nei cui confronti c’è ancora molto da chiarire.

 

Che cosa avrebbe concluso l’epoca delle stragi, se non proprio la trattativa?

 

A un certo punto dell’epoca delle stragi fu arrestato Totò Riina, che era il capo della mafia, e qualche anno dopo è stato il turno di Bernardo Provenzano. Il vero sostenitore della strategia stragista era però Riina. Una volta che quest’ultimo è stato catturato, condannato a tre ergastoli e messo in carcere dove si trova tuttora, le stragi sono continuate ancora per un po’, ma poi è stata messa loro la parola fine.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.