BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Se uno spinello riesce a mettere d'accordo Saviano e la mafia

Infophoto Infophoto

I casi di persone che abbiano assunto cocaina, eroina o altre sostanze pesanti fin da subito, senza un passaggio dai classici spinelli, sono rarissimi, da manuale. Non dimentichiamo che la società, in questa fase storica, vive una condizione di manifesta frustrazione psicologica. Soprattutto, a causa dello scoramento prodotto dalla crisi. Diffondere l’utilizzo di droghe leggere risulterebbe una macroscopica operazione di anestetizzazione collettiva, dalla conseguenze inimmaginabili. Il tessuto comunitario è debole. Così facendo, lo si indebolirebbe ulteriormente. In tanti reputano Saviano all’avanguardia intellettuale del Paese e un paladino della giustizia; spiace che, invece che consigliare la legittimazione di un male, non si sia soffermato sul contemplarne le cause; e che non si sia interrogato sul perché tanti giovani, di cui si è intestato così tante volte la rappresentanza, si trovino ad avere la vita distrutta per gli effetti dello sballo. Alla base delle ragioni che portano un ragazzo a drogarsi, vi è una radicale questione educativa. Tra gli adulti, nelle famiglie o nelle scuole, si è ormai diffusa l’incapacità di coinvolgere i giovani in un impegno, in una responsabilità o in un lavoro; in essi domina la convinzione di essere soli, senza alcuno che li ami per quello che sono; sono privi dell’entusiasmo di chi ha un compito, sa che la sua vita ha un senso e che esiste una vocazione anche per lui. L’incapacità di educare deriva, a sua volta, dal fatto che l’uomo di oggi si è sempre più convinto di essere egli stesso il creatore della propria esistenza. Le droghe sono funzionali a questa concezione, perché aumentano il livello delle proprie prestazioni sociali ed elevano l'autostima. Consentono di persistere in una sorta di limbo incantato, dove la vita procede senza che sia necessario metterci il proprio impegno e la propria creatività. Se, a chi propone di legalizzare le droghe leggere, capitasse di avere un figlio con problemi di tossicodipendenza, cosa accadrebbe? Lancerebbero ancora simili provocazioni? Forse, pure loro, si porrebbero qualche domanda un po’ più seria. 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
24/10/2013 - Legalizzazione droghe (gasperini mauro)

Perdoni il puntiglio, anni fa quando c'era ancora la lira, diedero la notizia su diversi telegiornali che allo Stato un Kg di eroina PURA sarebbe venuto a costare 15.000.000 con aumenti e tutto diciamo che oggi costerebbe €15.000 ossia €15 per grammo, vogliamo fare €20? Vada per €20, da 15 milioni l' ho portata quindi a 40 milioni\kg, mi pare equo, no? Come saprà se è presidente di una comunità, l' eroina pura è inusabile, quindi bisognerebbe tagliarla con sostanze inerti per portarla, lasciandola di qualità SUPER max al 20%, quindi un gm di questa eroina costerebbe allo Stato €4 (mi corregga se sbaglio), ora diciamo che lo Stato ci deve guadagnare, quindi triplichiamo il prezzo, è equo? €12\gm sul mercato. Ora mi spiegherebbe quale mafia è così imbecille da andarsi a rischiare 20 anni di galera per €12 al grammo? Ma per venderla dovrebbe fare o un prezzo inferiore o una qualità migliore, che guadagno ne caverebbe? Mi perdoni ma le consiglio di darsi una ripassata sui guadagni che si aspetta la mafia dalla vendita degli stupefacenti. Se poi ci vogliamo aggiungere che solo un' idiota seriale andrebbe a Scampia quando l' eroina, buonissima e più sicura la trovi in farmacia a €12. E parliamo di eroina, figuriamoci se vanno a rischiare lo stesso reato per vendere 2 canne di erba. Mi creda se non lo avesse detto lei di essere il presidente di una comunità, leggendo il suo articolo ci sarei arrivato da me. Ma smettetela di fare terrorismo psicologico.

 
31/07/2013 - dai sul serio (martina serni)

se lo dice addirittura Saviano che di mafia se ne intende ci sarà un motivo, la smettiamo di fare i bastian contrari a tutti i costi pur di attirare 1 o 2 lettori in più? Nel commercio legale di cannabis si arriva a spendere molto meno che in quello illegale e la sostanza è controllata, andando dallo spacciatore oltre a spendere di più, acquisti roba nociva. E' facile capire come chiunque si rivolgerebbe al mercato legale e anche nella remota possibilità che si creasse un mercato parallelo, sarebbe comunque un modo per diminuire i guadagni della mafia, davvero non capisco se vi pagano per fare disinformazione o ci credete veramente nelle ignorantate che dite, un giorno verrete puniti per il male che fate ogni giorno