BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATRIMONIO VASCO/ Caro sig. Rossi, perché non scrive una canzone sulla "maledizione" di un amore per sempre?

Pubblicazione:martedì 10 luglio 2012 - Ultimo aggiornamento:martedì 10 luglio 2012, 10.14

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Il matrimonio, infatti, nasce da un reciproco atto di libertà, che si sviluppa e diventa vero amore con la pratica fedele di questa libertà.  Caro sig. Rossi, checché tu ne canti, la vita ha un senso e questo senso lo si percepisce nell'esercizio di una fedele coltivazione dell'amore. L'amore non è andarsene quando sei stufo (questo lo fanno anche le bestioline), ma  rianimare continuamente la propria libertà per dire sì all'altro, non solo di fronte a sé stessi, ma anche di fronte a tutti. Altrimenti, caro Rossi, adesso cosa ti accadrà? Non amerai più la tua compagna perché le hai promesso un amore per sempre? Non ci credo. E perché vuoi che sia regolata la coppia di fatto? Di fatto, non sarebbe la stessa cosa? In realtà, non è la stessa cosa, perché è come lasciare sempre pronta la valigia per andartene. Caro Rossi, sei vuoi essere veramente anticonformista, scrivi una canzone sulla bellezza della fedeltà nel matrimonio.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.