BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 14 luglio, viene celebrato San Camillo De Lellis

Il 14 luglio la Chiesa Cattolica festeggia San Camillo De Lellis, sacerdote che si contraddistinse per i propri atti caritatevoli, la bontà d’animo e il grande spirito di sacrificio.

Tutti i santi Tutti i santi

Il 14 luglio la Chiesa Cattolica festeggia San Camillo De Lellis, sacerdote che si contraddistinse per i propri atti caritatevoli, la bontà d’animo e il grande spirito di sacrificio. Camillo nacque da una famiglia abbastanza agiata il 25 maggio 1550 a Bucchianico, piccolo paese nelle vicinanza di Chieti. Suo padre, Giovanni De Lellis, era un militare di carriera sposato con Cammilla De Compellis. Proprio in onore della madre gli fu dato il nome di Camillo che, tra l’altro, ha come significato etimologico “ministro del sacrificio”, quasi a segnarne un percorso già scritto dal Signore. Si racconta che nei suoi primi anni di vita fosse un bambino molto irrequieto e vivace, molto affezionato alla figura materna. Quando essa morì decise a 13 anni di seguire il padre nelle proprie campagne militari, quasi tutte al soldo della Spagna. Durante questi anni Camillo acquisisce usi, costumi e modi di fare della vita militare, ma non ancora ventenne dovette subire anche la perdita del padre, avvenuta pochi giorni prima di un suo arruolamento dell’esercito iberico della Lega Santa. Tornò immediatamente in Italia anche per problemi alla caviglia destra e a Roma si ricoverò all’ospedale san Giacomo degli incurabili. Una volta ristabilitosi decise di diventare un soldato di ventura a tempo pieno, cioè uno dei quei combattenti che venivano assoldati da signori e regnanti per le proprie cause. Prese parte alla seconda Lega Santa e combatté sotto l’effige della Spagna in Tunisia e in Dalmazia. Nel 1574 fu congedato e non sapendo bene cosa fare della propria vita decise di mettersi al servizio dai frati Cappuccini di San Giovanni Rotondo, in Puglia, a poca distanza da Manfredonia. Questo fu in un certo senso favorito anche dal fatto che, perpetrando lungamente il proprio vizio del gioco assunto durante la vita militare, perse i tutti i suoi beni ed averi. All’interno del Convento assolveva tantissime mansioni giornaliere finché dopo circa un anno, grazie anche le persuasive parole dei cappuccini, si convertì e decise di consacrare la propria vita al Signore. Intanto, purtroppo, la piaga intorno alla caviglia che aveva già anni prima si ripresentò in maniera molto più marcata e pericolosa tanto da costringerlo a ritornare nuovamente a Roma all’ospedale San Giacomo degli incurabili per sottoporsi a nuove ed estenuanti cure.