BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STRAGE AL CINEMA/ Meluzzi: dietro alla sparatoria alla proiezione di "Batman" alienazione e odio per l'umanità, donne e bambini compresi

Pubblicazione:venerdì 20 luglio 2012 - Ultimo aggiornamento:venerdì 20 luglio 2012, 16.59

Bane, il personaggio nemico di Batman (InfoPhoto) Bane, il personaggio nemico di Batman (InfoPhoto)

Ma cosa può spingere un uomo ad aprire il fuoco su una folla e a uccidere chiunque gli capiti a tiro, tra cui numerosi bambini? «Un rifiuto totale e un risentimento profondo nei confronti dell’umanità nel suo complesso – afferma Meluzzi -. In questo senso non c’è quindi distinzione tra bambini, adulti, uomini o donne, perché è l’umanità intera a essere diventata, agli occhi del killer, aliena, estranea, pericolosa, nociva e tossica, e che quindi è oggetto di questa risoluzione catartica, quasi purificatoria». Il problema, conclude Meluzzi, «è che nei confronti di queste persone, che spesso sono “piccole”, senza particolari capacità o qualità, non esiste alcun tipo di prevenzione. Certo, il fatto di possedere numerose armi può essere un segnale, ma in America esistono anche tantissimi collezionisti totalmente innocui».

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.