BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ILVA TARANTO/ Bentivogli (Fim Cisl): c’è un’alternativa alla chiusura degli impianti

Pubblicazione:venerdì 27 luglio 2012

La protesta degli operai dell'Ilva La protesta degli operai dell'Ilva

Nella sua autonomia e serenità operativa, il magistrato deve trovare tutte le occasioni, le energie e le possibilità per agire senza condizionamenti. La magistratura però non può essere un corpo isolato dalla realtà. Esiste un problema di ambiente, ma questo non si risolve chiudendo gli impianti bensì facendo in modo che si ottemperino le norme. E oggi a livello di emissioni l’Ilva è ottemperante nei confronti di normative molto restrittive.

 

Il vostro interlocutore però non è la politica, ma un giudice …

 

Giovedì eravamo in prefettura per la firma del patto per le bonifiche e il risanamento di Taranto. Se la costruttività di tutte le cariche istituzionali che abbiamo riscontrato ci fosse anche negli anni precedenti, oggi non ci troveremmo in questa situazione. E’ chiaro infatti che l’azione della magistratura si prende uno spazio dove c’è un vuoto lasciato dalla politica.

 

Quali saranno le conseguenze del sequestro dell’Ilva?

 

Il provvedimento rischia di essere di una portata devastante: 20mila persone che perdono il lavoro in una città come Taranto, che ha il 54% di disoccupazione giovanile, è un fatto gravissimo e inaccettabile. La rabbia dei lavoratori è quindi assolutamente giustificata.

 

Ma le acciaierie inquinano …

 

In tutta Europa si produce acciaio senza che diventi uno scontro muscolare tra istituzioni. Nei confronti dell’Ilva si è adottato però un modo di comportarsi tutto italiano: da noi una strada che provoca incidenti non si ripara, ma si chiude o ci si mette un cartello. Esattamente la stessa cosa è stata fatta con l’Ilva. Il sindacato è il primo a tenerci alla salute dei lavoratori, che sono più a contatto con le emissioni delle acciaierie. Fim Cisl è sempre stato un soggetto molto attento all’eco-sostenibilità degli impianti. Ma l’Ilva è l’impianto siderurgico più grande d’Europa, ed è un patrimonio per cui noi ci batteremo con tutte le nostre energie migliori per preservarne la continuità.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.