BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCIOPERO BENZINAI/ Sospesa la serrata prevista per il 4 e 5 agosto

Lo sciopero dei gestori delle pompe di benzina previsto per il weekend del 4 e 5 agosto è stato sospeso. Lo annunica il sottosegretario al ministero dello sviluppo economico

foto Infophoto foto Infophoto

Lo sciopero dei gestori delle pompe di benzina, annunciato per i prossimi 4 e 5 agosto, è stato sospeso. Tirano un sospiro di sollievo i milioni di italiani che proprio in quel weekend si metteranno in marcia per il primo weekend di esodo vacanzieri e che temevano di rimanere ore in fila sotto al sole cocente a fare disperati pieni di benzina prima dell'inizio dello sciopero. Lo sciopero inizialmente doveva cominciare addirittura venerdì 3 agosto, poi nel corso di un incontro si era deciso di ridurlo a sabato e domenica, giornate comunque che avrebbero danneggiato gravemente chi doveva mettersi in marcia. Inizialmente si era anche parlato di illegalità della chiusura delle pompe di benzina, ma poi la commissione di garanzia aveva dichiarato non esserci azione illegale in uno sciopero previsto in quel primo weekend di agosto. Sciopero dichiarato sia contro la politica degli industriali del petrolio sia contro il governo. Nel dettaglio, le organizzazioni dei gestori delle pompe di benzina parlavano di "120mila posti di lavoro, oltre ad un servizio essenziale e capillare alla collettività, messi a repentaglio da politiche commerciali e di prezzo dell’industria petrolifera che penalizzano lavoratori e consumatori” adducendo anche “comportamenti industriali equilibrati, non più ingiustificatamente violenti e, soprattutto, rispettosi della legislazione vigente”. Inoltre le associazioni dei gestori di pompe di benzina lamentavano la politica degli sconti durante i weekend che avrebbero danneggiato la categoria stessa. Adesso una nota diffusa dal sottosegretario allo sviluppo economico informa che lo sciopero è stato sospeso e che si aprirà una trattativa con verifica per l'inizio di settembre. A una notizia positiva fa contraltare una negativa. Continua infatti ad aumentare il prezzo del carburante: per i prossimi gironi infatti secondo le previsioni di Figisc Confcommercio ci sarà un incremento di 1 eurocent al litro. Secondo Luca Squeri di Figisc Confcommercio colpa dell'aumento è la tendenza del mercato internazionale che lascia presagire questo nuovo aumento. Continua comunque l'iniziativa degli sconti presso le pompe di carburante prevista durante i weekend.