BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISTIANI PERSEGUITATI/ Dalla Cina agli Usa, ecco la mappa

Pubblicazione:

I funerali di alcuni martiri copti  I funerali di alcuni martiri copti

Non dobbiamo correre il rischio di dare l'impressione di voler imporre qualcosa a questi Paesi, perché otterremmo un rifiuto, qualunque cosa proponessimo. Penso però possibile agire sui governi per spingerli nella direzione voluta. Così, spero che i musulmani della Primavera Araba si rendano conto che uno Stato in cui la libertà religiosa esiste ed è rispettata è anche uno Stato in cui l'islam può fiorire, è quello che hanno chiesto loro stessi sotto i regimi dittatoriali. Ciò contribuirebbe a stabilizzare i loro governi e a renderli durevoli, mentre la scelta di un regime repressivo gli si ritorcerebbe contro, danneggiando la loro stessa causa. Da parte nostra, dovremmo adottare un modello di relazioni basato sul coinvolgimento, offrendo amicizia se si muovono verso la libertà religiosa, mentre una scelta contraria porterebbe a danneggiare le relazioni.

 

In “Il secolo di Dio”, il libro uscito l'anno scorso e di cui lei è coautore, si parla di una ripresa della religione in molti Paesi, compreso il secolarizzato Occidente. Come si pone questo fenomeno di fronte al parallelo incremento di intolleranza religiosa?

 

Uno dei punti che abbiamo evidenziato nel nostro libro è che il recupero di religiosità nel mondo ha molte facce. Da un lato, questo recupero è responsabile per buona parte di quella che è definita la “ terza ondata” della democratizzazione, in quanto movimenti religiosi sono stati alla base dei processi democratici che hanno portato alla caduta di dittature. Si pensi a Giovanni Paolo II in Polonia, la Chiesa cattolica nelle Filippine o in Cile, l'islam in Indonesia, fondamentale nella rivoluzione democratica che ha abbattuto la dittatura di Suharto. Movimenti religiosi sono spesso dietro le commissioni per la ricerca della verità e la riconciliazione e gli sforzi per portare la pace, così come spesso leader religiosi riescono a mediare nelle guerre civili. Dall'altro lato, però, dal 1980 è aumentato drammaticamente il terrorismo di matrice religiosa, mentre prima il terrorismo aveva quasi sempre un'origine laica. Si riscontra anche un aumento di guerre civili a sfondo religioso, o in parte derivanti da motivi religiosi, come la lunga guerra civile in Sudan.

 

Vi sono religioni più a rischio di altre? E quali gli effetti della crescita del relativismo e dell'ateismo dichiarato?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >