BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 10 agosto, si ricorda San Lorenzo Martire

Pubblicazione:

Tutti i santi  Tutti i santi

Oggi, 10 agosto, la Chiesa ricorda San Lorenzo Martire. Nacque nel Huesca nel 225 e fu martirizzato a Roma nel 258, quando l’imperatore Valeriano lo perseguitò. Le notizie sulla vita di Lorenzo sono vaghe: si sa con certezza della sua profonda dedizione alla religione; era originario della Spagna, nacque a Osca nella città di Huesca, sin da giovanissimo effettuò studi teologici ampliati dalla sua conoscenza per papa Sisto II che lo nominò Diacono. Si contraddistinse da subito per la sua carità e per il amore. Fu molto noto sin dagli inizi per le mansioni importanti affidategli. Lasciò poi la Spagna per recarsi a Roma, dove fu martire. Valeriano infatti emanò un editto per il quale tutti i vescovi, i presbiteri e i diaconi dovevano essere uccisi. Venne catturato dai soldati dell’imperatore il 6 agosto, all’inizio non fu ucciso poiché l’imperatore desiderava i tesori della chiesa, ma quando Lorenzo gli consegnò dei poveri, asserendo che erano quelli i tesori della chiesa, Valeriano si adirò. Fu rinchiuso in un palazzo segreto, dove conobbe Lucillo alla quale dette il battesimo. Il 10 agosto, all’età di 33 anni, Lorenzo fu bruciato vivo. A partire dal IV secolo Lorenzo divenne uno dei più venerati, Sisto III costruì una grande basilica dove all’estrema sommità fu seppellito Lorenzo. Le vicende sulla vita e il martirio di San Lorenzo sono celebri sin dai primi secoli del cristianesimo, il suo oggetto emblema è la graticola, viene solitamente raffigurato come un giovane diacono. L’attuale celebrazione di san Lorenzo cade tutt’oggi il 10 agosto, ancora raffigurato dalla graticola e dalla palma, egli è considerato patrono dei bibliotecari, dei cuochi, librai, pasticcieri, pompieri e vetrai. Inoltre san Lorenzo è patrono di alcune città come Grosseto, Tivoli, Sant’Agata li Battiati e Perugia. Anche in altri comuni di entità minore. Le chiese dedicate al Santo sono moltissime, a Roma soltanto più di dieci. Nel paese di Amaseno, in provincia di Frosinone, si trova l’ampolla del sangue di San Lorenzo che in tutto il corso dell'anno si mantiene normalmente rappreso, ma nell'annua ricorrenza del martirio e talora anche fuori tale data diviene liquido.


  PAG. SUCC. >