BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ILVA TARANTO/ Le intercettazioni della Guardia di finanza coinvolgono anche i Riva

(Infophoto) (Infophoto)

Parlando di Liberti in una telefonata dal 31 marzo 2010 con Fabio Riva, invece, Archinà avrebbe detto: “ritengo che sia in linea con quelle che sono le nostre esigenze”. Sempre parlando di Liberti, che sarebbe stato in attesa dall'Arpa (Agenzia regionale protezione e ambiente) di alcuni dati sui rilevamenti della diossina, il patron Riva avrebbe detto: “e diamoglieli noi, dai!”. E Archinà: “In modo che io potrei lavorargli... a dire... sulla quantità piuttosto che sul profilo”. “Darglieli in anteprima”, traducono i finanzieri, secondo quanto riportato dal Corriere, “significa che così Archinà potrà iniziare a lavorare sul Liberti affinché attesti che comunque le emissioni di diossina prodotte dal siderurgico siano in quantitativi notevolmente inferiori a quelli accertati all'esterno”.

© Riproduzione Riservata.