BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 2 agosto, si celebra San Basilio il Benedetto

Oggi 2 agosto si ricorda San Basilio il Benedetto, uno dei massimi santi della storia della Russia, che visse ai tempi dello zar Ivan il terribile. A lui la basilica della Piazza Rossa

Tutti i Santi Tutti i Santi

Una festa importante oggi per tutti i cristiani della Russia, sia ortodossi che cattolici. Si ricorda infatti un santo che è parte integrante della storia di questo Paese, il cosiddetto "folle per Cristo". . Il 2 agosto si ricorda san Basilio il Benedetto, il santo è cui è dedicata la meravigliosa cattedrale che si trova a Mosca nella piazza Rossa accanto al Cremlino. Ed era proprio moscovita Basilio che nacque in un sobborgo della capitale russa nel 1468 da una famiglia contadina. Sin da bambino dimostrò una forte propensione alla preghiera meditativa, ma i genitori lo avviarono alla professione di calzolaio mandandolo a bottega da un artigiano. Fu proprio nella bottega in cui lavorava che a 16 anni si rese protagonista di un episodio che segnò la sua vita. Scoppiò a ridere apparentemente senza motivo quando un cliente chiese che gli venissero preparate delle calzature che potessero essere così resistenti da durare parecchi anni. Quando il padrone gli chiese il motivo di tanta ilarità il ragazzo spiegò che non capiva perché una persona che doveva morire il giorno seguente volesse acquistare delle scarpe di cui non avrebbe saputo che farsene. Il giorno dopo quell'uomo morì e Basilio capì che il suo destino non era certo quello di fare il calzolaio, abbandonò tutto e iniziò a condurre la vita di "folle per Cristo". La figura dei folli per Cristo era piuttosto comune a quel tempo. Erano persone che abbandonavano tutti i beni terreni, si vestivano di stracci e camminavano scalzi per la città vivendo di elemosine, pregando per i peccati dell'umanità e facendo penitenza. Aiutavano i miserabili e non temevano di rimproverare chi non viveva secondo le leggi del Signore. Basilio divenne così una sorta di asceta che pregava, dormiva sui sagrati delle chiese e piangeva pensando ai peccatori. Si fingeva muto e a volte accettava l'ospitalità di una ricca signora benestante che lo accoglieva nella sua casa. Continuava a conoscere alcuni eventi futuri e a volte si rendeva protagonista di comportamenti che parevano inspiegabili. Parecchie volte al mercato rovesciava le bancarelle del pane e quelle che vendevano il kvas (una bevanda tipica russa) e veniva percosso dai mercanti, ma lui benediceva il Signore e ringraziava. In seguito si seppe che quegli alimenti erano preparati con ingredienti non sani. Un giorno commise un'azione incomprensibile: distrusse un'icona della Vergine che veniva venerata dai moscoviti, si seppe poi che lui aveva visto sotto l'immagine sacra l'aspetto del demonio. La sua fama si era ormai diffusa in tutta la città, la gente lo definiva santo e lo zar Ivan il Terribile, incuriosito, volle mettere alla prova Basilio, era infatti convinto che donandogli dell'oro avrebbe cambiato atteggiamento. Così fece e poi lo fece seguire da persone fidate che gli riferirono che una volta preso l'oro il santo si era recato in quella che sarebbe diventata la Piazza Rossa e aveva donato tutti preziosi a un mercante straniero vestito elegantemente. Stupito lo zar volle sapere da Basilio il perché del suo comportamento. Costui gli spiegò che quell'uomo era ricchissimo, ma quel giorno la nave che trasportava le sue merci era affondata ed egli aveva perso tutti i i suoi beni, l'elegante vestito era tutto ciò che gli restava, ma si vergognava a chiedere l'elemosina. Da quel momento nacque un rapporto tra Basilio e lo zar Ivan e, nonostante il santo rimproverasse aspramente il sovrano per i suoi comportamenti crudeli, egli non mancava di andare a trovarlo per ascoltare le sue parole.  La capacità di predire il futuro lo rese un uomo molto venerato sia dal popolo che dai potenti e, sebbene vivesse nutrendosi poco e sempre per strada, visse fino a 84 anni. La salma di Basilio, patrono di Mosca, riposò nella cattedrale fino alla rivoluzione del 1917 quando le sue reliquie andarono perse.