BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FESTE ISLAM/ Introvigne: da Amburgo una sfida per tutta l'Europa

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Perché i due principali modelli che dominavano la scena fino a dieci anni fa sono in netta crisi. Sto parlando del modello assimilazionista francese, secondo cui chi sceglie di far parte di una comunità nazionale deve condividerne pienamente e lealmente gli ideali e le tradizione, e di quello inglese multiculturalista, secondo cui le varie comunità, con il sostegno finanziario dello Stato, operano come vasi poco comunicanti perseguendo uno sviluppo separato.

Entrambi questi modelli non sono quindi più validi?

Esatto, e proprio per questo si cerca una terza via, in cui l’Italia era forse anche più avanti di altri Paesi. Il grande problema è che questa terza via andrebbe perseguita in partnership con organizzazioni musulmane, ma l’Islam non è una religione verticale, bensì orizzontale, dove l’autorità si rinegozia e ridefinisce ogni giorno. Sapere con chi trattare è quindi il grande ostacolo che tutti i governi europei si ritrovano a dover affrontare.     

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
21/08/2012 - andiamo almeno per esclusione (Giuseppe Crippa)

Se è difficile “sapere con chi trattare”, cominciamo almeno a capire con chi “non trattare”: per esempio con i Piccardo dell’UCOII.