BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOSCOMMESSE/ Ostellino: una sentenza da Bar sport

Pubblicazione:

Antonio Conte (Infophoto)  Antonio Conte (Infophoto)

Io ho un’immagine di collasso generale di questo Paese, di un collasso culturale che abbraccia il mondo della magistratura, del sistema informativo, persino nelle stesse cronache sportive oltre che di quelle giudiziarie. Se qualcuno le guarda con un minimo di spirito critico, credo che se ne possa rendere conto facilmente. Per quanto riguarda la giustizia sportiva, io penso che l’aspetto della corruzione generalizzata sia in questo mondo più spiccato che altrove. Basta osservare in controluce alcune storie.

Ma in questo modo, nello sport, si compromette un intero sistema che alla fine è anche una ricchezza.
I danni patrimoniali che ha avuto la Juventus sono stati enormi. Adesso che è ritornata a vincere, ricominciano a colpirla. E in più c’è il fatto che la Juventus sta reagendo, non si rassegna a questo modo di fare. Qui scatta il puntiglio di quelli che hanno il potere e vogliono affermarlo, ribadirlo, sottolinearlo. Dal 2006 a oggi ne sono capitate di tutti i colori, con almeno due scudetti assegnati che un presidente normale avrebbe rifiutato. Eppure va tutto bene, va bene così e si va a prendere un altro “pentito” per provocare un altro putiferio.

Di fronte a un simile clima di contrapposizione diventa veramente problematico guardare una partita di calcio o addirittura andare allo stadio.
Il mondo della sport non sta fuori dalla società, è un aspetto di una società, di una civiltà che a mio avviso sta scomparendo. Io spero di sbagliarmi, ma guardando a tutte queste cose, ripeto quello che sto pensando da tempo: questo è un Paese che è morto.

(Gianluigi Da Rold)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.