BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 25 agosto, viene celebrato San Ludovico

Il 25 agosto la Chiesa cattolica celebra la memoria di San Ludovico, al secolo Luigi IX, sovrano di Francia. Nato il 25 aprile 1214 a Poissy, diventò re di Francia a soli 12 anni

Tutti i santi Tutti i santi

Il 25 agosto la Chiesa cattolica celebra la memoria di San Ludovico, al secolo Luigi IX, sovrano di Francia. Nato il 25 aprile 1214 a Poissy, quarto figlio di Luigi VIII e Bianca di Castiglia, diventò re di Francia a soli 12 anni in seguito alla morte dei suoi tre fratelli maggiori. Nel 1226, all’improvvisa morte del padre, non rimase altro per difendere il casato che incoronare al trono il giovinetto. Fu la madre, Bianca di Castiglia, ad assicurare per i primi anni la continuità del governo. Il giovane re dovette immediatamente fare fronte a un conflitto dinastico e tenere testa alla nobiltà francese che non era fedele al casato. Luigi era un re troppo giovane e per di più la madre era una straniera, non essendo francese ma spagnola. Per questo la nobiltà francese tentò immediatamente di prendere il potere con un colpo di mano, tentando di rapire il piccolo Luigi, non per detronizzarlo ma per affermare il suo potere e governare in sua vece, in opposizione alla madre. Fu in quel momento che il popolo di Francia si strinse materialmente intorno al suo giovane sovrano, aiutandolo a scampare all'organizzato rapimento e accompagnandolo a Parigi, dove Luigi prese legittimamente il trono. La madre fu una donna molto accorta nel governo ma allo stesso tempo fu pia e coltivò sentimenti profondamente religiosi con i quali educò tutti i suoi figli. Lei stessa, dopo la sua morte, fu proclamata santa mentre la sorella di Luigi, Isabella di Francia, beata. Nel 1234 il re sposò Margherita di Provenza: i due erano parenti di quarto grado ma il papa concesse loro la dispensa che li autorizzò a convolare a nozze per ragioni di necessità e di utilità. Il matrimonio infatti venne organizzato per porre fine a una guerra dinastica che portava con sé anche scomuniche ed eresie da combattere. Già negli anni della giovinezza, la profonda religiosità del sovrano ebbe modo di manifestarsi. Egli, oltre a essere un fervente cattolico e un instancabile ricercatore di reliquie di santi, affrontò e risolse molti problemi legati a questioni ecclesiastiche. Della sua passione per le reliquie che lo spingeva ovunque avesse notizia di esse, ricordiamo l'esemplificativa vicenda dell'acquisizione della corona di spine di Gesù. Questa era conservata a Bisanzio, governata allora dal cugino di Luigi, Baldovino II.