BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ 1. Famiglia, un nuovo attacco dei prof alla Costituzione (e alla crescita)

Pubblicazione:

Il presidente del Consiglio Mario Monti (InfoPhoto)  Il presidente del Consiglio Mario Monti (InfoPhoto)

Perché il gioco politico nelle nostre democrazie riguarda solo i pochi che hanno voce. E per definizione non ha voce chi non ha una sufficiente cultura o istruzione, chi è piccolo e quindi non vota e chi non è ancora nato. E’ uno dei motivi per cui il debito piace a tutti, perché a esserne penalizzate sono le nuove generazioni. Non mi stupisco quindi che il dibattito politico si sia incancrenito su questioni di secondaria importanza, mentre non si pone mano alle vere questioni relative allo sviluppo di un Paese. Non c’è infatti sviluppo senza risorse umane, e non ci sono risorse umane senza bambini.

 

Nell’agenda dei partiti il quoziente familiare sembra passare in secondo piano rispetto alle nozze gay …

 

Il dibattito sulle nozze gay non porta da nessuna parte, è una strada che non produce risultati empirici di alcuna rilevanza, non c’entra nulla con lo sviluppo del Paese, la sua rinascita e la sua ricostruzione. Ha semplicemente a che fare con l’ultimo rigurgito dell’onda lunga nemica della vita e che in quanto tale non vivrà, cioè non ha respiro né futuro. Stiamo parlando di una società che ha scelto di non avere futuro, ma non è la società con cui ci ritroveremo a che fare. Dobbiamo pensare allo sviluppo, e non a uno status quo preservato con le unghie e con i denti, che premi i potenti e sia perfettamente associabile dal punto di vista culturale ai comportamenti non generativi. Con buona pace di tutti, perché una famiglia gay possa adottare un bambino ci vuole qualcuno che si dia la pena di metterlo al mondo.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
27/08/2012 - La misura è colma (Daniele Scrignaro)

A Rimini i rappresentanti dell’Intergruppo ne hanno dette tante, qui si potrà vedere qual è il loro progetto politico, perché senza il loro consenso questi ulteriori tagli alle famiglie non possono passare. Se hanno più a cuore “la cadrega che la dignità” (G. Vittadini, qui). Ricordo che non 6-10 miliardi bensì 12 miliardi si possono risparmiare cancellando l’approvato acquisto di 90 cacciabombardieri F-35.

 
27/08/2012 - sviste di fondo (Antonio Servadio)

come avete già ben spiegato più volte in questo quotidiano on-line, ci arrovelliamo tutti i giorni sui vari guai dell'economia, tanto da farci prendere la mano dal quotidiano, dimenticando così i temi di fondo - quelli "portanti" - come le fondamenta di un palazzo. L'economia non può funzionare, ha vita breve, se non c'è produzione di beni. La finanza non genera beni, è come una benzina per il motore, ma di per sé non ci porta da nessuna parte. E chi genera i beni? Le persone. E i beni li fruiscono le persone. Ma senza famiglie non ci saranno più persone, se non per i ricchi. Perchè quelli sopravvivono sempre ad ogni epoca storica. E' dimostrato.

 
27/08/2012 - Rimini Rimini (Diego Perna)

Io non ce ne avrei portato nessuno di questi salvatori di banche e stati e ammazza famiglie. Capisco che anche un cane morto ha i denti che brillano....ma vedere levare ai poveri per dare ai ricchi, mi fa pensare solo Superciuk, che è solo un fumetto, questi invece sono proprio degli ammazzapovericristi. Non voglio più sentire dire a nessuno che la crisi è globale e il baratro e dietro l'angolo, perché questo è vero solo per chi lavora, non per tutti (lavorare che significa cambiare in meglio le condizioni di vita con la fatica e l'ingegno, non con i furti tramite giochetti politicalfinanziari).