BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MALTEMPO/ Pescara, si ribalta un peschereccio a causa del forte vento: un morto

Pubblicazione:lunedì 27 agosto 2012

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Il maltempo fa un’altra vittima. Dopo la morte avvenuta a Padova di un uomo schiacciato da un albero abbattutosi sulla sua automobile, questa mattina il forte vento ha fatto ribaltare un peschereccio a Pescara: l’imbarcazione, la “Viking 2”, si è capovolta a largo del porto canale a causa del mare agitato. A bordo c’erano quattro uomini, uno dei quali ha perso la vita. Si tratta del comandante, Cristian Dell'Osa, di 41 anni, mentre gli altri tre marinai, pur essendo rimasti feriti, non sarebbero in pericolo di vita. Dopo l’incidente, sul posto sono immediatamente arrivati i soccorsi, il medico legale per la ricognizione cadaverica e il sostituto procuratore della Repubblica di Pescara, Giuseppe Bellelli. I tre uomini rimasti feriti sono stati poi trasportati all'ospedale del capoluogo adriatico. Il vento ha investito ieri pomeriggio anche molte barche a vela che si trovavano al largo del mare Adriatico, mentre sempre nella giornata di ieri, nel Gargano, una tromba d'aria ha sorpreso diportisti e bagnanti, scatenando il panico. La capitaneria di porto di Manfredonia, in collaborazione con l'ufficio circondariale marittimo di Vieste, ha soccorso tra Vieste e il litorale di Siponto molte unità da diporto, salvandone una sessantina in difficoltà. Come detto, l’arrivo della perturbazione chiamata “Beatrice” ha già provocato la morte di una persona: un trentenne romeno ha perso la vita nel pomeriggio di ieri a Padova, schiacciato da un albero caduto a causa delle forti piogge mentre si trovava nella sua auto. Solo feriti invece la moglie e il figlio di 7 anni che erano insieme a lui. Anche a Verbania due turiste sono rimaste ferite in un campeggio della zona dopo che il loro camper è stato travolto da alcuni alberi abbattuti dal nubifragio che ieri sera ha messo in ginocchio tutta l’area. Una bufera di maestrale si è invece verificata anche in Sardegna, dove ventiquattro canoisti sono stati travolti nel mare di Porto Alabe, sulla costa occidentale dell’isola. I soccorsi, scattati immediatamente, hanno tratto in salvo tutti i partecipanti alla regata. 


  PAG. SUCC. >