BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

BERLUSCONI-LARIO/ Divorzio, i legali: rapporti civili ma la causa prosegue

I rapporti tra Silvio Berlusconi e Veronica Lario “sono civili” ma “la causa in corso per la separazione giudiziale tra i coniugi sta proseguendo e non è stato firmato alcun accordo”.

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

I rapporti tra Silvio Berlusconi e Veronica Lario “sono civili” ma “la causa in corso per la separazione giudiziale tra i coniugi sta proseguendo e non è stato firmato alcun accordo”. E’ quanto viene comunicato in una nota congiunta degli avvocati Maria Cristina Morelli e Nicolò Ghedini, legali rispettivamente della Lario e dell’ex presidente del Consiglio. “Negli ultimi due mesi - si legge ancora nel testo - sono apparse sui quotidiani notizie riguardanti i coniugi Berlusconi del tutto estranee alla realtà dei fatti, probabilmente provenienti da soggetti erroneamente ritenuti informati". Considerata l'insistenza con la quale tali notizie vengono riportate, continua il comunicato congiunto, "si deve procedere a una smentita, che viene svolta dalle parti congiuntamente, precisando quanto segue: - La causa in corso tra i coniugi per la separazione giudiziale sta proseguendo e a oggi non è stato firmato alcun accordo; - I rapporti tra i coniugi sono civili, come si conviene; - I coniugi non hanno alcuna frequentazione, hanno semplicemente pranzato insieme con i figli un paio di volte, mai ad Arcore, ove la signora Bartolini (Veronica Lario ndr) non si reca da anni; - La signora Bartolini non vive a Macherio da settembre 2010”. Le notizie “estranee alla realtà dei fatti” e "probabilmente provenienti da soggetti erroneamente ritenuti informati" citate all'interno della nota congiunta dei legali si riferiscono a un presunto riavvicinamento tra i due coniugi di cui si parlava verso la fine di aprile. Diversi quotidiani raccontavano infatti che Veronica Lario era stata vista a pranzo a villa Belvedere insieme a Berlusconi e i tre figli e che la coppia sarebbe potuta arrivare a una separazione consensuale anziché giudiziaria. La smentita è dunque arrivata oggi attraverso la nota dei legali, in cui viene specificato che i rapporti sono “civili” ma che “la causa in corso per la separazione giudiziale tra i coniugi sta proseguendo e non è stato firmato alcun accordo”.