BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TERREMOTO FILIPPINE/ Scossa di magnitudo 7.9 in mare. Allarme tsunami anche in Indonesia e Giappone. Oggi 31 agosto

Pubblicazione:venerdì 31 agosto 2012

(Infophoto) (Infophoto)

TERREMOTO FILIPPINE, MAGNITUDO 7.9 E ALLARME TSUNAMI, OGGI 31 AGOSTO - Allerta Tsunami nelle Filippine. Un potente terremoto di magnitudo 7.9 si è verificato al largo delle Filippine alle 14:47, ora italiana. A renderlo noto è l'istituto geofisico americano Usgs. Subito è scattato l'allarme tsunami per Filippine e Indonesia, ma anche Taiwan, Giappone, Guam e Papua Nuova Guinea. Secondo quanto comunicato dal Geological Survey e dal Pacific Tsunami Warning Center, l'epicentro del terremoto, che è stato a una profondità di 35 chilometri, si trova a 146 chilometri dalla costa a nord-est dell'isola di Mindanao. La città più vicina, a 96 kilometri di distanza dall’epicentro è Sulangan, nella provincia di Samar, nella regione del Visayas Orientale. La capitale, Manila si trova a più di 740 kilometri di distanza. Non si hanno attualmente notizie di danni o feriti. L’allarme tsunami è stato subito diramato per tutto il Pacifico orientale, dal Giappone alla Papua Nuova Guinea, data la forza del sisma, anche se la profondità molto elevata contribuisce ad attenuare i motivi di preoccupazione per eventuali danni a cose e persone.

Nel caso del sisma subacqueo che originò lo tsunami (che significa maremoto) del marzo 2011 al largo della costa giapponese dell’Honshu, la forza fu di 9 gradi sulla scala Richter. La profondità era molto minore (24,4 kilomteri) e l’epicentro era a 100 kilometri dalla terraferma. Passarono solo pochi minuti dall’evento e le onda, alte circa 10 metri, investirono la costa per poi invadere il territorio provocando ingenti danni e decine migliaia di morti. L’ultimo sisma di una certa intensità registrato in estremo oriente che non ha comportato danni invece è stato lo scorso 14 agosto. Si tratta di una scossa registrata a quasi 600 kilometri di profondità con epicentro tra l’isola di Shakalyn e quella giapponese di Hokkaido. La scossa raggiunto un’intensità pari a ben 7,5 gradi sulla scala Richter ma fortunatamente senza provocare importanti danni a cose, edifici o persone. Inoltre non è stato neanche diramato il tanto temuto allarme tsunami, probabilmente anche grazie al fatto che il potente sisma è avvenuto molto al di sotto della crosta terrestre, il che potrebbe aver notevolmente ridotto l’intensità avvertita in superficie. 


  PAG. SUCC. >