BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ANZIANI UCCISI/ Lignano, la svolta: fermata giovane sudamericana

Possibile svolta nell'omocodio della coppia di Lignano Sabbiadoro. Le autorità hanno fermato una giovane sudamericana che stava fuggendo in Slovenia e che lavorava in città

Foto Infophoto Foto Infophoto

Svolta nelle indagini sul massacro della coppia trovata uccisa lo scorso 19 agosto nella loro abitazione di Lignano Sabbiadoro. La coppia. Rosetta Sostero di 65 anni e Paolo Burgato di 69, era stata trovata uccisa in modo brutale a casa loro. Un caso poco chiaro, anche perché nella casa dei due coniugi erano comunque state ritrovate ingenti somme di denaro: non si capisce perché gli assassini non  le abbiano sottratte, forse l'unica spiegazione è che non ne avessero avuto il tempo, costretti a fuggire per qualche motivo. Li aveva ritrovati con la gola squarciata la mattina dopo l'omicidio il figlio Michele. Rosetta Sostero in particolare era stata ritrovata con un gran numero di coltellate sul corpo. Adesso la possibile svolta: le autorità hanno infatti fermata una giovane ragazza sudamericana di 23 anni, residente in Italia da più di dieci anni. E' stata fermata lontano dal Friuli, sembra stesse per fuggire dall'Italia per recarsi in Slovenia. Sembra dunque che volesse far perdere le proprie tracce: la giovane lavorava come commessa in un negozio non lontano da quello della coppia uccisa. Insieme a lei sono state fermate altre cinque persone tutti sudamericani, tre uomini e due donne, tutti sottoposti a interrogatorio. Non è l'unica sospettata comunque: nei giorni successivi la strafe ad esempio era stato interrogato diverse volte il fratello della donna uccisa che aveva appena subito il fallimento delle sue due aziende, un fallimento peraltro ritenuto anomalo da parte degli inquirenti per le modalità, visto che le aziende non avevano grossi problemi economici. Addirittura era stato prelevato il dna ai componenti di un circo che si trovava a Lignano nei gironi dell'omicidio.  I fatti di quel 18 agosto in cui la coppia fu assassinata. I due avevano chiuso il loro negozio e avevano deciso di andare a cena in un ristorante. Erano poi tornati a casa in bicicletta. Quindi l'omicidio. Alla mattina li aveva trovati il figlio insospettito perché il negozio non era ancora aperto. Un omicidio che aveva gettato la cittadina turistica in grande shock, visto anche il periodo dell'anno, pochi giorni dopo ferragosto. Le indagini si erano subito dimostrate complicate, perché manvaca un movente chiaro in quanto la copia non aveva subito un furto vero e proprio.

© Riproduzione Riservata.