BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FOTO KATE/ La Middleton nuda? Più che un seno scopre mille contraddizioni

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Però, la querela, la richiesta pressante di consegnare gli scatti, la condanna e l’ammenda (risibile, peraltro: 10mila euro un giornale con le foto del topless di Kate li rimpiazza in fretta), hanno del grottesco. Ma chi si credono d’essere? Quali privilegi pretendono, oltre a tutti quelli che hanno per nascita?  Una battaglia per ridimensionare  certo giornalismo guardone? Ricordiamo la durezza con cui il gruppo Murdoch ha giustamente pagato la sua feroce mancanza di buon gusto e invasione nel privato. Ma è una battaglia da fare per tutti, non a partire da Buckingham Palace.

Senza contare il rischio di un precedente: a quanti giornali si può imporre di ritirare foto rubate, a quanti altri di nascondere una verità scomoda? Il seminudo di Kate non disturba la vista del bambini. Meglio questa piccola umiliazione, provvida di maggiori attenzioni future, che il marchio della censura. Per due reali giovani, oltretutto, è poco strategico, a livello d’immagine. Chi può stabilire fin dove la stampa può spingersi? I Parlamenti, dopo animate discussioni e considerazione di vantaggi e svantaggi e prezzi pesanti da pagare. Semmai il vero problema è nella maturità del pubblico, che certi giornali li compra e ne finanzia la florida esistenza. Quando la stampa d’informazione, se non si pone allo stesso livello, va male, malissimo. E’ più interessante vedere il fisico della Middleton che sapere quel che succede a Tunisi o a Gaza? Questo è il segno di un degrado culturale  e morale vero.

Quanto alla stampa nostrana, che s’indigna e s’inalbera per lo scoop  del gruppo Mondadori,  che ipocrisia, signori miei. Ci avete propinato  le parti intime degli onorevoli, la cellulite delle star tv più amate, sappiamo delle frequentazioni di letto di politici, cantanti, attori; per anni avete  insozzato le vostre pagine con i pruriginosi  e piccanti resoconti delle presunte escort del premier;  ci finì di mezzo il povero primo ministro ceco, Topolanek, poverino, con quel nome da fumetto, immortalato come un novello Adamo nella villa di Berlusconi in Sardegna. Allora non valeva il diritto alla privacy? Perché due pesi e due misure? Semmai, il seno di Kate ci par vista migliore che le pudenda di Topolanek o di Casini (altro celebre fotogramma estivo). Se si usano due pesi e due misure, allora significa al solito buttarla in politica. E in politica, secondo me, è più scandaloso chi viene beccato a pagare mazzette, che chi mette a nudo il suo corpo.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
19/09/2012 - Dov'è la rilevanza della notizia in questo caso? (Alessandro Colzi)

La libertà di stampa non dovrebbe avere limiti se ha come obiettivo la scoperta di fatti che possono essere penalmente rilevanti o la cui conoscenza può essere utile alla collettività (vedi Watergate, offerta di cariche pubbliche in cambio di lap dance ecc.). In questo caso qual è la notizia rilevante per la collettività, che la Middleton c'ha le zinne piccole?