BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ILVA TARANTO/ Un lavoratore: vi spiego di chi è la "colpa" dell’inquinamento

Pubblicazione:venerdì 21 settembre 2012

Infophoto Infophoto

Che l’llva di Taranto abbia prodotto un cospicuo inquinamento, sembra fuori dubbio. Ma, effettivamente, a che livelli? E con quali effetti sulla salute delle persone? Di recente, il presidente nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, e il presidente di Peacelink Taranto, Alessandro Marescotti, hanno illustrato dei dati relativi al periodo 2003/2008 che proverebbero come nei pressi della fabbrica ci sarebbe un aumento del 10% dei decessi per tutte le cause e del 12% per tutti i tumori. Il ministro dell’Ambiente Clini, dal canto suo, annunciando querela, e comunicando che il governo si costituirà parte civile nel processo per accertare le eventuali responsabilità, fa sapere che quei dati sono parziali. L’unico studio serio e attendibile, predisposto dall’Istituto superiore di sanità, dal quale quei dati sono stati estrapolati, è in attesa di pubblicazione. Nel frattempo, giunge un'altra brutta notizia: pare che i custodi giudiziari abbiamo dato un valutazione negativa sul piano di investimenti immediati necessari per risanare gli impianti attualmente sotto sequestro. Un lavoratore dell’Ilva di Taranto, che per ovvie ragioni preferisce rimanere sotto anonimato, ci spiega i risvolti meno noti di tuta la vicenda.

Come giudica i dati sulla mortalità derivante da cause imputabili alla fabbrica? 

Personalmente, non ho le competenze per affermare se, effettivamente, il tasso di mortalità sia ai livelli in cui è stato descritto. Sta di fatto che mio padre e tanti miei amici di Taranto sono morti di tumore.

In ogni caso, possiamo parlare di un tasso di inquinamento spropositato?

L’inquinamento è alto. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che la città è fortemente industrializzata. Non solo per la presenza dell’Ilva che, da sola contribuirà al 40% circa dell’industrializzazione cittadina. Da Google Maps, per intenderci, si ha la netta percezione, dal punto di vista visivo, di come gran parte delle industrie locali siano rappresentate anche dallo stabilimento Riva e dallo stabilimento dell’Eni. Che non produce di certo cioccolatini, ma è una raffineria petrolifera. Oltretutto, tra le più grandi d’Italia. Essa, quindi, non è di certo da meno in termini di impatto ambientale, così come d’inquinamento dell’acqua, dell’aria e del terreno. Questo, ben lungi dal difendere l’azienda, per sottolineare come le va riconosciuto di non essere l’unico fattore inquinante.

In ogni caso, pare che inquini, e parecchio. Come si è giunti a questo punto?


  PAG. SUCC. >